Discover Italy edizione record, in calendario il nuovo appuntamento

Conclusa l’edizione 2022, è già in calendario il 7° appuntamento con Discover Italy. Il workshop b2b focalizzato sull’incoming farà nuovamente tappa all’ex Convento dell’Annunziata di Sestri Levante il 30 e 31 marzo 2023. La nuova formula sperimentata quest’anno ha riscosso un notevole successo tra gli operatori e verranno riconfermate le due intere giornate dedicate rispettivamente ai buyer internazionali e italiani.

I numeri

L’appuntamento, sold out, del 7 e 8 aprile scorsi ha visto oltre 4000 appuntamenti schedulati tra i 110 seller partecipanti e gli altrettanti buyer (provenienti da Italia, Olanda, Gran Bretagna, Norvegia, Spagna, Svezia, Belgio, Germania, Canada, Stati Uniti, Emirati Arabi, Danimarca, Repubblica Ceca, Ungheria, Romania, Polonia, Bulgaria, Russia, Slovacchia, Kazakhistan, Slovacchia, Brasile e Israele). Sei i Comuni sponsor dell’evento: Chiavari, Lavagna, Santa Margherita, Sestri Levante, Portofino e la new entry Levanto. Un numero crescente di Regioni e istituzioni tra le quali Liguria, Valle d’Aosta, Basilicata, Trentino Alto Adige, Campania, Calabria, Marche, Toscana, Emilia, Piemonte, Lombardia. Dieci i tour che hanno toccato: Liguria, Monferrato, Val Susa, Calabria, Cremona/Brescia/Bergamo e Milano, Valle d’Aosta Terre di Pisa, Riviera Apuana, Pistoia, Garfagnana.

I commenti delle istituzioni

“In Liguria e nel Tigullio il primo semestre del 2021 è praticamente simile a quello del 2019 -ha affermato l’assessore al Turismo della Regione Liguria Gianni Berrino -. Il successo della manifestazione Discover Italy è la dimostrazione dell’apprezzamento del sistema ligure”.

“Discover Italy è una vetrina di lusso per la Liguria – spiega il vicepresidente della Regione Liguria con delega al Marketing territoriale Alessandro Piana – elemento di raccordo prezioso tra domanda e offerta. La creazione di una piattaforma di valore diversificata secondo le più importanti, ma al tempo stesso autentiche, leve di marketing territoriale è il fil rouge capace di legare i tanti imprenditori che in questi anni hanno continuato a investire sulla nostra terra, rendendola così ricca di sfaccettature. Auspichiamo dunque che la nostra regione resti protagonista nelle prossime edizioni di Discover Italy”.

Il Sindaco di Sestri Levante, Valentina Ghio, ha dichiarato che “sei anni fa quando è iniziata l’esperienza del workshop il mondo immaginato era diverso. La capacità della tenuta economica ha fatto sì che oggi si possa assistere ad una manifestazione incrementata nei numeri e territorialmente differenziata. Ora è importante rimboccarsi le maniche e andare avanti con lungimiranza per far conoscere l’unicità del nostro territorio e sostenere l’economia “.

Roberta Garibaldi, a.d. Enit e consigliera del ministro del Turismo per l’enogastronomia, ha tracciato un bilancio del turismo. “Nel 2021 abbiamo registrato 264,7 milioni di presenze, con un calo del 36,8% rispetto al 2019 e i passeggeri negli aeroporti sono stati 80,4 milioni con un -58% e un -70% per gli stranieri. Per quanto riguarda i flussi asiatici bisogna pensare ad un recupero nel 2024, intanto si deve fare i conti con un 70% di domanda turistica italiana. Turismo di lusso, enogastronomico e lento sono i trend più evidenti e “per quest’anno si stima oltre un 60% di performance per il settore alberghiero ed extralberghiero”.

“Abbiamo lavorato per promozione territorio e siamo riusciti a lavorare insieme – ha dichiarato Gianluca Ratto, assessore alla Promozione di Chiavari -. I dettagli fanno la differenza sulla promozione del territorio e il nostro compito è quello di promuovere le nostre eccellenze”.

“Il Tigullio – ha detto Elisa Covacci, vicesindaco di Lavagna – ha potenzialità incredibili e portare i buyer a conoscere il nostro territorio è importante”.

Luca Del Bello, sindaco di Levanto: “Si è capito in questi mesi che facendo squadra si rilancia il sistema turistico e questo aspetto va ulteriormente potenziato. Anche col Covid il trend delle presenze è stato positivo, con numeri elevati, ma ora dobbiamo fare più integrazione e scambio”.

Il vicesindaco di Portofino, Giorgio d’Alia, ha parlato di riscontro positivo: “In queste due giornate lavoriamo per vendere insieme il Tigullio e bisogna constatare che il lavoro del 2021 è stato anticiclico e abbiamo prospettive di continuare a crescere anche nel 2022. Già si registrano numeri positivi per le prenotazioni primavera”.

Il Sindaco di Santa Margheria, Paolo Donadoni, ha ricordato quanto sia bello il fatto “di portare le persone a fare esperienza. Siamo riusciti a rimanere un piccolo paradiso positivo. Il secondo giorno di workshop dimostra di saper reagire al cambiamento. Gli elementi di forza sono il fatto di raccontare e condividere la bellezza; sostenere il comparto economico-turistico e fare squadra sul territorio in contesti diversi”

Gli altri partner dell’evento: Ita Airways, Mediaterraneo Servizi, Liguria Together e Sestri Levante In, Blastness; media partner Guida Viaggi, About Hotel, Italy & More, Il Piccolo, Corriere Quotidiano.it, La Voce di Genova, Corriere Turismo. Supporter del workshop Enit – Agenzia nazionale dei turismo.

Tags: ,

Potrebbe interessarti