L’ultimo viaggio di Fulvio Ognibene

Ieri ha intrapreso il suo ultimo viaggio, Fulvio Ognibene. Piemontese di Vercelli, è stato a lungo segretario generale di Astoi e ancor prima aveva maturato una lunga esperienza in veste di direttore generale di Hotelplan. Proprio per questo incarico lo chiamavano “lo svizzero”. Nei ricordi di Alfredo Parisi, che con Ognibene ha condiviso l’esperienza in Astoi come consigliere, “lo svizzero” era anche un grande intenditore di vini e un grande amante dei viaggi nei luoghi più sperduti del mondo.

Ogni anno con un gruppetto di amici – racconta Parisi . organizzava le sue spedizioni che poi mi raccontava: ed eccolo alle isole Lofoten, all’incontro con il re di Tonga, nell’infuocata depressione della Dancalia, il luogo più inospitale del mondo, dove faticò a sopportare i 50° ed i gas sulfurei”.

Della “vecchia” Astoi aveva conservato il vezzo di organizzare dei pranzetti, sempre alla scoperta di gusti e sapori nuovi, in compagnia di chi con lui aveva vissuto gli anni migliori del turismo.

Del ricordo giornalistico che conservo di lui penso ad “una persona seria, acuta, pacata. Mai una parola di troppo, con quella diplomazia che talvolta poteva ostacolare la ricerca spasmodica dello scoop”.

Alla moglie Odette e a tutta la sua famiglia vanno le condoglianze della direzione e della redazione di Guida Viaggi. L.D.

Tags: ,

Potrebbe interessarti