Bahamas, il trade lo conferma: richieste in ripresa

Dai meeting programmati dal ministero del Turismo, Investimenti e Aviazione delle Bahamas la scorsa settimana a Roma e Bari, emergono più netti i contorni della ripresa dei flussi turistici sulle Bahamas e verso i Caraibi in generale.

Gli incontri

I tre incontri con il comparto turistico nazionale voluti da Maria Grazia Marino, area manager ministero del Turismo, Investimenti e Aviazione delle Bahamas, hanno centrato il loro obiettivo, ovvero quello di ristabilire un contatto fisico e professionale – già avviato in occasione della Bmt di Napoli – con agenti ed operatori del Centro-Sud Italia, area cruciale per la destinazione, soprattutto per il target honeymooner. In tanti hanno preso parte al roadshow coordinato dal Caribbean Tourism Organization lo scorso 26 aprile a Roma, al quale le Bahamas hanno aderito, cogliendo l’occasione per promuovere l’arcipelago e presentare gli aggiornamenti di prodotto.

Sempre a Roma si è tenuto l’incontro b2b esclusivamente dedicato alle Bahamas e realizzato in partnership con Caleidoscopio-Oltremare. Il tour di formazione e aggiornamento è proseguito, quindi, negli spazi del booking di Veratour in compagnia di British Airways, per terminare a Bari insieme, a So Good Travel: “Secondo i commenti a vivo raccolti tra gli agenti di viaggi che hanno partecipato agli incontri – spiega la Marino – le richieste di prenotazioni in generale sono in chiara ripresa, anche se alcuni lamentano una battuta d’arresto – si auspica momentanea – dovuta al conflitto in corso tra Russia e Ucraina. Le persone temono che la situazione precipiti mentre ci si trova al di là dell’oceano. Senza contare che i cari energia e carburante stanno incidendo sul potere di acquisto del consumatore”.

Non solo una estensione mare

I Caraibi spiccano come estensione mare nelle richieste di preventivo di viaggi negli Stati Uniti, destinazione lungo raggio in questo momento tra le più gettonate: “Per quel che riguarda l’arcipelago delle Bahamas – prosegue Marino – sono in aumento le richieste di preventivi e le prenotazioni per l’estate 2022, soprattutto per quanto riguarda i viaggi di nozze. È nostra volontà ripetere questi incontri in collaborazione con i nostri principali partner commerciali (operatori e compagnie aeree) per avvicinare sempre meglio e con puntualità il canale distributivo italiano, che intendiamo formare e a cui vogliamo dare gli strumenti idonei per vendere appieno una destinazione che, per quanto ha da offrire, può essere meta unica di vacanza e non solo estensione mare dagli Usa”, concluede Marino.

Tags:

Potrebbe interessarti