Aeroporti, Foggia torna nei radar: da settembre 4 voli

L’aeroporto di Foggia torna nei radar, dopo uno stop di oltre dieci anni. Sarà la compagnia aerea greca Lumiwings a far tornare operativo lo scalo. A partire da fine settembre, il vettore opererà quattro collegamenti dall’aeroporto ‘Gino Lisa’: Milano, Torino, Verona e Catania.

L’annuncio dei voli, che verranno operati con un aeromobile 737-300 configurato a 139 posti, è stato dato nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il presidente e il vice presidente della regione Puglia, Michele Emiliano e Raffaele Piemontese, il presidente e il direttore generale di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile e Marco Catamerò e Chiara Rebughini, direttore commerciale della compagnia aerea.

 A partire da fine settembre, quindi, saranno 5 i voli settimanali su Milano, 2 quelli su Torino, Verona e Catania. Frequenze che successivamente avranno un incremento pari a 7 voli settimanali su Milano, 4 su Catania, e 3 su Torino e Verona. Tre i livelli tariffari previsti dalla compagnia: Air, Shine e Chance.

“Oggi – ha dichiarato il presidente di AdP, Antonio Maria Vasile – per Aeroporti di Puglia e per l’intera comunità foggiana è un momento di straordinaria importanza. Finalmente, possiamo dire anche con una punta di orgoglio che ce l’abbiamo fatta. Avevamo preso un impegno con la città e lo abbiamo mantenuto. Inutile nascondere che il percorso per arrivare fino qui si è rivelato abbastanza complicato, perché abbiamo operato nel rispetto rigoroso di norme restringenti. Ma era doveroso farlo non solo per restituire la giusta dignità al territorio foggiano, ma anche per dare una risposta concreta alle istanze dei cittadini e delle imprese. Oggi diamo il via, grazie al lavoro sinergico con la Regione Puglia, alla rinascita di un territorio che ora è chiamato a sostenere questa importante iniziativa, dimostrando che ogni nostro sforzo non sia stato vano, ma soprattutto dando risposte concrete, perché si possa sviluppare una connettività che metta fine alle carenze infrastrutturali che da tempo insistono su questa parte della regione e metta in moto l’industria turistica. Foggia torna in pista e per volare ha bisogno di tutti. Questa è un’opportunità straordinaria da cogliere e coltivare”.

“Noi siamo l’Italia e Foggia è l’Italia – ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – e deve fare la sua parte. In questo momento di difficoltà, la Puglia sta cercando di resistere, anche grazie ad Aeroporti di Puglia, a una condizione economica che sarà difficile anche per il futuro. Ciascuno di noi deve fare la propria parte e non dimenticare che la stagnazione si combatte anche attraverso il turismo. Quest’anno in Puglia arriveranno tanti turisti. L’aeroporto è servente rispetto alla strategia del turismo e del business. Dobbiamo quindi creare una cultura generale, una cultura di ospitalità. La Puglia ha intenzione di tenere insieme turismo e interesse economico. Comprate i biglietti degli aerei e viaggiate. Siccome l’aeroporto va custodito e va fatto crescere, utilizziamo i voli. Quella di oggi, non immaginatela come conquista campanilistica. È uno switch, stiamo girando l’interruttore. Foggia è uno dei giocatori più importanti di una squadra che si chiama Italia e che si chiama Puglia. Quindi, dobbiamo ragionare da italiani e da europei. Siccome questo è un momento delicatissimo, mi sforzerò di riempire il vuoto che in questo momento si sente. Lo riempiremo perché è un dovere di tutti. L’importante è collaborare. In tutto il mondo si parla della Puglia e dello sforzo che stiamo facendo con quello che abbiamo. Foggia, lo ripeto, è il giocatore che in questo momento che può dare lo sprint in più”.

“Siamo orgogliosi di essere la compagnia che farà volare Foggia – ha dichiarato il direttore commerciale di Lumiwings, Chiara Rebughini -. In questi mesi abbiamo lavorato in sinergia con Aeroporti di Puglia, perché la nostra offerta rispondesse non solo alle richieste della Società, ma anche e soprattutto a quelle del territorio. Penso che abbiamo risposto in maniera esaustiva, andando anche al di là delle aspettative. Il territorio, infatti chiedeva collegamenti con Milano e noi lo faremo volare anche alla volta di Verona, Torino e Catania. Ci sembrava giusto che ci fossero più rotte, in modo da poter garantire, almeno per la partenza, una rosa di collegamenti per il Nord e per il Sud. Ora ci aspettiamo grandi risposte dalla comunità, in modo da poter volare insieme”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti