Offerta più ampia il focus della Sete 

Estendere la stagione turistica oltre i tradizionali mesi estivi, inserire nel ventaglio d’offerta destinazioni meno conosciute e favorire gli investimenti: ecco le chiavi del programma della Confederazione greca del turismo, la SeteIl presidente Yiannis Retsos ha presentato la strategia nazionale “Turismo greco 2030 – Piani d’azione” durante un evento a Creta. 

Retsos ha sottolineato l’importanza di formulare il pia-no nazionale dopo un dialogo e uno scambio di idee con gli attori locali del turismo, in modo da includere più interlocutori e forze produttive nel processo. Il presidente ha, inoltre, sottolineato l’importanza della co-operazione e delle sinergie affinché il settore possa e-volversi nell’era post-Covid per soddisfare le nuove esigenze e rimanere competitivo. 

“Gli obiettivi principali del nuovo piano sono quelli di riuscire, entro il 2030, a estendere l’attività turistica al di là delle cinque regioni che attualmente rappresentano circa l’80% di tutte le entrate legate al turismo, ma anche nel tempo, oltre i quattro mesi estivi”, ha dichiarato Retsos. 

Ha poi aggiunto che il raggiungimento del target dovrebbe comportare la stretta collaborazione tra governo centrale e locale, operatori turistici, imprenditori e forze produttive. Ci si dovrebbe, inoltre, concentrarsi sul perfezionamento e sull’arricchimento dell’offerta con l’introduzione di forme alternative di turismo e con il miglioramento delle infrastrutture. Riferendosi alla questione della carenza di personale nel comparto, Retsos ha affermato che non si tratta solo di un problema greco, citando un recente studio secondo cui nei Paesi del Sud Europa mancano circa 700.000 dipendenti, aggiungendo che è necessario adottare misure per affrontare la stagionalità dei posti di lavoro nel turismo.  

Infine, ha dichiarato di aspettarsi che la Grecia continui il suo dinamico rimbalzo turistico, ma che il risultato finale dipenderà dagli sviluppi della guerra Russia-Ucraina e dalla pandemia. “Vogliamo rimanere positivi, c’è una grande domanda, manteniamo il nostro ottimismo, ma una stima migliore di ciò che accadrà quest’anno potrà essere fatta alla fine di giugno”, ha concluso il presidente.  

Nicoletta Somma

Tags: , ,

Potrebbe interessarti