EDITORIA - EVENTI - SERVIZI DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE
ANDAMENTO PRENOTAZIONI ONLINE AGGIORNATO AL 12 LUGLIO 2022 BAROMETRO ABOUTHOTEL A CURA DI BLASTNESS

Blastness

Periodo: 1 gennaio 2022 – 12 luglio 2022

 

 

Aggiornate al 12 luglio, le prenotazioni mantengono l’andamento costante di crescita delle settimane precedenti. Dal 1° gennaio oltre 1,8 milioni di notti vendute per un totale di circa 424 milioni di euro.

Negli ultimi sette giorni, dal 6 al 12 luglio, sono state vendute oltre 90 mila notti per un valore superiore ai 22 milioni di euro, in crescita rispetto alla settimana precedente.

 

 

Il rapporto tra sito web e OTA (rispettivamente al 34% e al 66%) resta invariato.

I dati sulla provenienza delle prenotazioni confermano la prevalenza del mercato italiano, con una quota del 19%, seguito da Stati Uniti (17%), Regno Unito (9%), Germania (8%), Francia (6%), Svizzera (6%), Austria (3%), Spagna (2%), Paesi Bassi (2%), Israele (2%), Australia (2%), Belgio (2%), Canada (2), Brasile (1%).

 

Perdono un punto percentuale i soggiorni prenotati a 90 giorni dalla data di check-in (26%), mentre rimane invariata l’incidenza delle prenotazioni effettuate tra i 31 e i 60 giorni dall’arrivo (20%) e quelle a una settimana dal check-in (17%).

La durata media dei soggiorni prenotati resta di 2 (20%), 3 (23%) o 4 notti (17%), principalmente per i mesi di luglio e agosto.

Analisi pick up sito web

Anche i dati sulla provenienza delle prenotazioni transate dai siti ufficiali delle strutture restano invariati. Primo fra tutti il mercato americano con una quota pari al 28%, seguito dall’Italia con il 19%, Regno Unito (8%), Germania (7%), Svizzera (6%), Francia (6%), Austria (3%), Canada, Belgio, Australia e Paesi Bassi (2%).

 

 

Toscana campagna

Le prenotazioni per la campagna toscana transano principalmente su OTA (59%). Booking è primo canale di vendita con il 45% mentre i siti web ufficiali, con il 41% di notti vendute, risultano secondo canale di vendita, in linea con quanto rilevato nell’ultima analisi.

 

Sulle oltre 92 mila notti prenotate il mercato principale è quello italiano con il 18%, seguito dagli Stati Uniti che registrano il 17% totale delle prenotazioni. Seguono Regno Unito e Germania (10%), Francia (6%), Paesi Bassi (5%), Svizzera e Belgio (4%), Canada, Austria, Brasile, Australia, Danimarca, Israele e Spagna con il 2%.

 

 

I soggiorni interessano prevalentemente i mesi di luglio e agosto, con una durata media di 2 (22%), 3 (22%), e 4 notti (16%).

Rispetto all’ultima analisi, si accorcia la booking window, i soggiorni prenotati a più di 3 mesi dal check-in passano dal 42% al 32%.

Toscana mare

Quasi inalterato il rapporto tra le prenotazioni transate su OTA e Siti web per il cluster Toscana Mare. I siti web perdono un punto percentuale rispetto all’ultima analisi ma rimangono il primo canale di vendita in assoluto. Booking al secondo posto detiene una quota di mercato pari al 43%.

 

Il mercato nazionale si conferma al primo posto con un’incidenza del 33% seguito a parimerito (con il 12%) da Svizzera e Germania. Gli Stati Uniti insieme al Regno Unito restano al 7%, come a inizio giugno, seguiti da Arabia Saudita, Francia e Paesi Bassi con il 3%, infine Austria, Germania, Russia con il 2%.

 

Anche per questo cluster i soggiorni si concentrano sui mesi di luglio e agosto, con una maggioranza di prenotazioni, a differenza della media generale, di 7 (18%) e 8+ notti (14%).

Firenze

Per quanto riguarda la città di Firenze le OTA, come registrato a giugno, rappresentano il primo canale di vendita; Booking detiene il 46% del mercato contro il 28% dei siti web ufficiali.

 

Su circa 159 mila prenotazioni registrate, il mercato principale di provenienza è quello statunitense (23%), seguito da Italia (19%), Regno Unito (9%), Francia (8%), Germania (6%), Svizzera (4%), Spagna (3%), Paesi Bassi, Canada, Belgio, Australia, Austria con il 2% e Basile (1%) del totale.

 

 

Per Firenze le prenotazioni dei soggiorni si concentrano sui mesi di luglio, agosto e settembre.

I dati evidenziano una maggioranza di soggiorni di 2 (24%), 3 (28%) e 4 notti (18%).