Riparte il traffico aereo: nel primo semestre è 4 volte quello del 2021

Il settore del trasporto aereo riparte deciso: a dirlo sono dimostrano i dati del primo report semestrale elaborato da Enac. Tra gennaio e giugno 2022 il volume dei passeggeri è 4 volte quello dei primi sei mesi del 2021. “Non siamo ancora nelle condizioni pre-pandemia – commenta una nota dell’ente -, ma la tendenza appare positiva. Rispetto all’anno scorso, si registra un incremento di passeggeri trasportati del 314%. Più che raddoppiati anche i movimenti, vale a dire il numero di decolli ed atterraggi negli aeroporti italiani”.

La fase di ripresa del traffico “consente anche di analizzare l’evoluzione dello scenario competitivo, provando a intercettare il mutamento delle strategie commerciali dei vettori che stanno optando per un differente posizionamento sulle direttrici del traffico internazionale – prosegue Enac -. Ecco perché l’ente ha ritenuto utile elaborare un’apertura delle principali direttrici del traffico di linea e charter (origine destinazione Italia verso/da le principali aeree geografiche mondiali, ndr) al fine di segnalare quali siano le aree che stanno trainando maggiormente la ripresa e, al contrario, di quelle che evidenziano ancora un consistente gap rispetto al traffico registrato sino al 2019″.

Nel complesso secondo Enac mancano circa 20 milioni di passeggeri all’appello per pareggiare il risultato del 2019: un -23,5% rispetto al primo semestre di 3 anni fa. “Il risultato è comunque condizionato dai primi mesi dell’anno, in cui erano ancora in vigore stringenti restrizioni per poter volare. A trainare la ripresa, oltre al mercato domestico, c’è il boom di partenze e arrivi dalle Americhe, ma anche la ripresa dei collegamenti con le destinazioni ad est dell’Europa: Medio Oriente e Asia. Complessivamente, il numero di passeggeri trasportati da e verso destinazioni extraeuropee, totalizza un +588% che restituisce la fotografia di una rinnovata voglia di viaggiare”.

Tags:

Potrebbe interessarti