Dal Pnrr 400 milioni per il cicloturismo

Ben 400 milioni di euro. A tannto ammontano gli investimenti destinati al cicloturismo nell’ambito del Pnrr. Su questo segmento, sempre più rilevante, il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile – di concerto con il Ministero del Turismo e con il via libera della conferenza unificata – ha pubblicato il primo Piano Generale della Mobilità Ciclistica.

All’interno del piano sono previsti interventi che promuovono lo sviluppo turistico dei territori: in particolare, per le ciclovie turistiche, il Pnrr prevede 400 milioni negli anni 2022-2026 per realizzare almeno 1.235 di chilometri aggiuntivi ed effettuare opere di manutenzione straordinaria sulla rete esistente.

Le iniziative presenti sono anche orientate a favorire l’uso del digitale ormai importante per il ciclista che percorre le ciclovie urbane e turistiche.

L’intervento rientra nelle linee di azione del Governo volte a promuovere lo sviluppo di un turismo sempre più sostenibile e a favorire la crescita di un settore, quello del cicloturismo, che può dare un forte impulso alla crescita del Paese. Non a caso, è previsto che il Ministero per la Mobilità Sostenibile e quello del Turismo elaborino un’azione di concerto per raggiungere l’obiettivo.

Il ministro Garavaglia ha nel frattempo firmato il decreto di istituzione della commissione di studio per il cicloturismo per l’esame e l’elaborazione di iniziative finalizzate all’implementazione del cicloturismo in Italia, composto da esperti di alto rilievo: Gianluca Santilli (coordinatore), Ludovica Casellati, Riccardo Capecchi, Andrea Abodi e Andrea Noè.

Tags: ,

Potrebbe interessarti