Missione egiziana per Fiavet: “Torneranno i grandi numeri”

Una missione internazionale di amicizia e business sotto le Piramidi per Fiavet. Sta andando in scena a Sharm el-Sheikh, destinazione che si prepara all’appuntamento con il Cop27 di novembre e che – insieme con l’intero Egitto – punta a tornare la destinazione all-year-round e gettonatissima di pochi anni fa.

Più frequenze dall’Italia

Un ritorno che è già nei numeri, con Air Cairo che si propone di aiutare la crescita: il ceo Hussein Sherif ha annunciato “dieci frequenze dall’Italia per la prossima summer, rispetto alle attuali che sono 8 (3 da Milano a Il Cairo e 1 a Sharm; 3 da Napoli a Sharm; 1 da Roma a Luxor e Sharm). In estate se ne aggiungerà certamente un’altra su Bari, a Sharm, e una sulla Sicilia (Catania) da confermare”. La compagnia collega inoltre Sharm a Luxor e Il Cairo, a sua volta collegata con Milano.

Il messaggio di Fiavet

“Abbiamo una lunga storia di relazioni con l’Egitto – ha spiegato nel corso della conferenza al Tropitel Naama Bay Resort di Sharm el-Sheikh la presidente Fiavet, Ivana Jelinic – sul quale in passato abbiamo avuto dall’Italia numeri incredibili, e per noi arrivare qui è come tornare a casa. Ci auguriamo di superare quei livelli, nel futuro prossimo, sul Mar Rosso come sull’Egitto classico. Passata la pandemia e la guerra, lanciamo un messaggio ai colleghi, all’opinione pubblica e al mercato italiani: l’Egitto è un Paese sicuro, accogliente. Una meta meravigliosa tutto l’anno. La storia di Fiavet in Egitto continua, con gli adv, i turisti, le autorità italiane”.

Nuove destinazioni e campagna globale

L’Egyptian Tourism Authority, rappresentato dal ceo Amr El Kady, ha rimarcato che “l’Egitto è una destinazione che abbraccia tutti i target, per tutto l’anno, con 2.400 km di coste, 1400 siti storici e archeologici, 1.000 siti religiosi, le crociere sul Nilo e sul lago Nasser, l’offerta di turismo attivo e sportivo”.

L’ente turistico ha inoltre messo in evidenza i miglioramenti infrastrutturali, le nuove destinazioni in costruzione Alamein e El Galala – e le politiche semplificate sui visti, ottenibili all’arrivo da ben 78 Paesi.

In ultimo, l’ente ha annunciato per i prossimi mesi una nuova campagna di comunicazione globale, che riguarderà anche l’Italia e che punta sul concetto di “Alive”.

Alla missione partecipano agenti di viaggi italiani. Nel programma è prevista anche una visita al Monastero di Santa Caterina.

Tags: , , , , ,

Potrebbe interessarti