Malta: un piano strategico per il diving

Il segmento diving a Malta costituisce circa il 5% del traffico turistico, una percentuale a cui VisitMalta ha sempre dedicato particolare attenzione e su cui continua ad investire. Ne è testimonianza la recente pubblicazione di un piano strategico dal titolo Developing a sustainable diving industry in the Maltese IslandsA strategy for the future 2022’, che se da un lato formalizza alcune tendenze già in atto da anni e in linea con i principi della sostenibilità, dall’altro punta al futuro del diving, quale nicchia del mercato turistico maltese destinato a continuare a crescere.  

Le opportunità presenti nell’arcipelago

Le opportunità offerte dall’arcipelago maltese legate alle immersioni sono ampie quando si guarda alle caratteristiche naturalistiche della costa (gran varietà data da tunnel, grotte, relitti, flora, fauna), alla qualità dell’acqua (in termini di temperatura e visibilità), ma anche all’alto livello dei servizi tra cui quelli offerti dai numerosi diving centre.

Anche se il piano strategico concentra l’attenzione soprattutto sul recreational diving, quindi su chi pratica immersioni in vacanza, è da sottolineare come a Malta siano in forte crescita le immersioni tecniche, che attirano subacquei esperti con interesse specifico per le immersioni in profondità.

Arrivi in crescita

Tra i motivi della crescita degli arrivi c’è anche il costante aumento delle proposte di immersioni. Le acque maltesi vantano – sottolinea una nota – il più grande numero di relitti sottomarini del Mar Mediterraneo a cui recentemente è stato aggiunto l’Mt Haphaestus, una petroliera lunga 60 metri che nel 2018 era naufragata sulle coste di Malta a causa di una tempesta e che poche settimane fa è stata affondata al largo di Xatt L-Aħmar a Gozo, per generare un nuovo ecosistema sottomarino da far esplorare ai diver.

Guardando nello specifico del mercato italiano, tra le operazioni promozionali relative al diving, VisitMalta ha organizzato recententemente un webinar in partnership con la Federazione Italiana Attività Subacquee. L’appuntamento, durante il quale sono state descritte le attrattive della destinazione per gli appassionati di immersioni, è stato condiviso indiretta anche sui profili Facebook, Instagram e YouTube di Fias.

Il webinar è stato anche occasione per anticipare la sponsorizzazione di VisitMalta all’evento che celebrerà il 50ennale della Fias. I festeggiamenti si terranno il 1° ottobre nella sede dell’Acquario di Genova dove verrà organizzato un evento commemorativo e conviviale. Ester Tamasi, direttore VisitMalta Italia sarà presente ai festeggiamenti del 1° ottobre accompagnata dai rappresentanti di Watercolours Dive Center quale partner scelto tra i numerosi centri diving presenti a Malta e Gozo.

Tags:

Potrebbe interessarti