#FlandersTalks, le Fiandre per il trade

Con le due tappe, di Padova e Torino, ha preso il via #FlandersTalks, l’appuntamento di VisitFlanders dedicato al trade. Il format strizza l’occhio all’edizione virtuale dello scorso anno ma con importanti novità, a partire dallo spazio lasciato a piccoli workshop. Per l’edizione 2022 l’ente ha infatti deciso di affidarsi a Laura Rolle direttrice di ricerca e co-founder di Blueeggs, società specializzata nell’analisi dei deep trends di consumo per l’innovazione di territori, prodotti e servizi. Le tendenze più significative dei consumatori di oggi sono quindi state oggetto di approfondimento e riflessione dei #FlandersTalks, accompagnate da un focus sulle Fiandre e su quelle esperienze in grado di rispondere alle nuove sensibilità del pubblico italiano intercettate da Blueeggs.

Da alcuni anni la strategia di VisitFlanders si basa su alcuni importanti pilastri: il passaggio dalla quantità alla qualità dei visitatori come primo obiettivo e della creazione di un network di soggetti che beneficino tutti del turismo, spostando il peso delle priorità dall’attrazione alla connessione. L’obiettivo non è più quello di attirare visitatori, ma di creare del valore per tutti i soggetti coinvolti in un ecosistema che interseca visitatori, residenti, soggetti legati al business turistico in maniera diretta ma anche indiretta e il luogo stesso.

In occasione dei #FlandersTalks, sono stati proposti agli operatori degli strumenti di lettura del mercato al fine di progettare strategie e prodotti per il consumatore di oggi e di domani, in combinazione con quelle destinazioni o esperienze fiamminghe che ben seguono la stessa tendenza di consumo ovvero: Labiomista nel Limburgo belga e i North Sea Chefs sulla costa, dalle Ardenne fiamminghe ai Flanders Fields, le città d’arte e gli itinerari cicloturistici.

Tags: ,

Potrebbe interessarti