Cathay, dopo due anni torna il Milano-Hong Kong

Torna il Milano-Hong Kong di Cathay Pacific. Da sabato scorso il collegamento settimanale del vettore – l’unico tra l’Italia e la città-stato – è infatti tornato all’operatività, dopo oltre due anni e mezzo.

I voli dall’Italia verranno operati con i nuovi Airbus A350-1000, fiore all’occhiello della flotta della compagnia che negli ultimi anni ha intensificato i propri sforzi per offrire ai passeggeri un’esperienza di volo superiore nel perimetro di un’aviazione sempre più sostenibile.

Con una configurazione a tre classi e un totale di 334 posti disponbili (46 in Business Class, 32 in Premium Economy e 256 in Economy), l’A350-1000 è particolarmente adatto ai voli di lungo e lunghissimo raggio per l’ultra comfort in cabina garantito da uno spazio extra per le gambe, un sistema di connessione e intrattenimento all’avanguardia e un controllo ottimale dell’umidità e della qualità dell’aria.

“Oggi è un grande giorno per la business community e per il turismo internazionale. Dopo oltre due anni torniamo ad offrire un collegamento diretto tra Milano, capitale economica dell’Italia e porta di accesso all’incredibile patrimonio artistico, culturale e paesaggistico del Bel Paese, e Hong Kong, primario hub finanziario e turistico dell’Asia: l’importanza strategica di questo asse è evidente in entrambe le direzioni” – ha dichiarato Ronald Lam, chief customer and commercial officer di Cathay Pacific.

Il manager ha aggiunto che la compagnia lavora da mesi “al ripristino dell’operatività dall’Europa e in tutto il mondo. La revoca della quarantena obbligatoria in hotel per l’ingresso ad Hong Kong, abolita prima per il personale di bordo e poi alla fine del mese di settembre per tutti i passeggeri in arrivo in città, ha dato un impulso ulteriore al processo di ripresa che renderà Hong Kong sempre più connessa e accessibile a chi viaggia per lavoro e per piacere. Il mio grazie di cuore va a tutto lo staff di Cathay Pacific in Italia e ai nostri partner locali come Sea Aeroporti di Milano, che hanno ascoltato i passeggeri e lavorato duramente dietro le quinte per garantire una nuova continuità di servizio”.

“Con soddisfazione diamo il benvenuto a Cathay che ritorna a Malpensa – afferma Andrea Tucci, vice president aviation business development di Sea -. La scelta del vettore di riavviare i collegamenti per l’Italia, appena le condizioni regolamentari e di business lo hanno consentito, e la decisione di puntare prioritariamente su Malpensa per riattivare i collegamenti dall’Italia sulla propria rete, confermano il ruolo strategico della nostra infrastruttura in particolare per i collegamenti di lungo raggio”.

Secondo Tucci “la combinazione di un mercato forte ed in rapida ripresa misurato dalla dimensione della catchment area servita e dalla attrattività che il territorio esercita per tutti i segmenti e motivazioni di viaggio, costituisce l’elemento fondante nella scelta di investimento di Cathay. Rivedere, oggi, il nostro bacino di traffico nuovamente collegato alla rete di Cathay via Hong Kong, uno degli hub più importanti in Asia per dimensione e qualità della rete, assicurerà lo sviluppo della connettività verso Asia ed Oceania aumentando la qualità dell’offerta commerciale a Malpensa. Attualmente il recupero del traffico sul nostro aeroporto è pari al 97% del pre-Covid grazie al contributo di 75 compagnie aeree su di un network di 190 destinazioni, in particolare il recupero complessivo sul long haul previsto per la Winter è dell’88%, a ulteriore conferma dell’importanza delle nostre infrastrutture per l’industria del trasporto aereo”.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti