EDITORIA - EVENTI - SERVIZI DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE
Voco hotels traccia l’identikit del nuovo business traveller

Una netta ridefinizione degli aspetti che gli italiani ritengono più importanti in un viaggio di lavoro: è il focus che emerge da una ricerca di mercato commissionata da voco hotels, il marchio alberghiero premium di Ihg Hotels & Resorts, a Censuswide che ha coinvolto 1.000 italiani.

Le nuove priorità del bleisure traveller sono sicurezza e tempo libero: oggi gli italiani si dimostrano più propensi ad unire l’utile al dilettevole, sull’onda del cosiddetto bleisure travel. Con il 36,5% la possibilità di non rientrare immediatamente estendendo il soggiorno di qualche giorno per ragioni personali si posiziona tra le rinnovate priorità del business traveller. Rimane importante la tipologia della sistemazione e i servizi offerti, aspetti in seconda posizione al 40%. Il rispetto delle norme sanitarie diventa l’aspetto principe nella scelta dell’alloggio, in netta crescita dal 30% nel periodo pre-pandemico al 50% attuale, attestandosi in prima posizione. Tra le caratteristiche imprescindibili delle strutture oltre al rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, la qualità delle camere risulta il fattore in seconda posizione al 37%. Il desiderio di trovare nella struttura sia aree dove poter lavorare che spazi in cui rilassarsi ottiene il terzo posto con il 35% dei voti, a pari merito con l’attenzione alle politiche di sostenibilità applicate dall’hotel, in crescita rispetto al 29% pre-pandemia. 

Le trasferte sono meno frequenti, ma apprezzate e cruciali per la piena ripresa del business: ad essere cambiate non sono solamente le aspettative dei viaggiatori, ma anche la frequenza stessa delle trasferte, che sembrano meno assidue rispetto al passato. Il 55% degli intervistati dichiara di non superare le due trasferte annue, con un ulteriore 8% che ha addirittura azzerato i viaggi di lavoro. Nonostante i numeri complessivamente in calo, il sentiment verso i viaggi di lavoro rimane estremamente positivo: il 29% degli italiani li considera indispensabili per la piena ripresa del business. Il motivo principale dietro alle trasferte degli italiani sia frequentare corsi di training e aggiornamento (20%)

Le destinazioni e il compagno di trasferta

Milano si conferma la principale meta italiana per i viaggi d’affari, come indicato dal 36% degli intervistati, precedendo Roma al 22%. Molto staccate le altre grandi città: Bologna e Torino si fermano entrambe al 7%, seguite da Napoli e Firenze appaiate al 6%. Appurata la crescente tendenza verso il bleisure travel, con il 25% dei voti è il partner il compagno di trasferta ideale, davanti ai colleghi (22%) che rimangono comunque figure importanti con cui ritagliarsi momenti utili per conoscersi meglio e fare team building. 

A breve un’intervista a Luca Boccato, ceo Hnh Hospitality, operatore alberghiero indipendente attivo nel segmento degli hotel e resort 4 e 5 stelle che vanta tra gli altri brand in portfolio proprio voco hotels.

 

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti