Il gestionale evoluto diventa un cruscotto

I progressi tecnologici che i tour operator stanno compiendo sono attesi da tempo, servono a spingere il settore dell’industria dei viaggi verso il futuro e possono aiutare ad accelerare le prenotazioni dopo una crisi che ha lasciato in sospeso le attività.

In primo luogo le implementazioni riguardano i gestionali interni. E’ emerso in occasione della recente convention del Gruppo Bluvacanze, che ha visto la partecipazione di 200 agenti di viaggio (Bluvacanze, Blunet, Vivere e Viaggiare, ndr).

L’evoluzione

Della precedente release il gestionale implementato dal gruppo ha conservato il vecchio nome, Ada, ma si è molto evoluto. “E’ unico nel mondo del networking e si affida  a strumenti all’avanguardia. E’ stato scelto dopo un contest con gli agenti di viaggio ed è un patrimonio di dati – commenta Claudio Busca, direttore generale leisure di Bluvacanze -. Dopo un anno e mezzo di studio e formazione è operativo, dal momento che abbiamo dato l’annuncio dell’avvio durante i lavori della convention. Lo chiameremo familiarmente il cruscotto, che dà l’idea di un prodotto gestionale che consentirà di avere tutto sottomano, dalle informazioni ai risultati di vendita, alla redditività”. Così come il cruscotto di un’autovettura consente di fornire tutte le indicazioni al viaggiatore, altrettanto è in grado di fare il gestionale delle adv.

Frutto del cambiamento

“I cambiamenti sono stati tanti in questi due anni – prosegue Busca – e abbiamo affrontato difficoltà, ma abbiamo messo a punto questa piattaforma che renderà il lavoro degli agenti di viaggi non solo più efficace, ma più semplice. Ada si è quindi trasformato e rinnovato diventando uno strumento facile e intuitivo di misurazione delle performance di ogni singola agenzia. Bluvacanze è oggi l’unico network che fornisce questo strumento estremamente avanzato alle proprie agenzie”.

La storia

Ada è il gestionale introdotto nel 2018 e sviluppato internamente dal Gruppo Bluvacanze con piattaforma di management, comunicazione e marketing per la rete distributiva. “Ada – rimarca il manager – ha iniziato un nuovo percorso per accompagnare ogni punto vendita nella costruzione delle propria imprenditorialità, fornendo dati in tempo reale sulle singole performance ed uno specifico benchmark di mercato. Il cruscotto grafico visualizza i risultati di vendita con immediata evidenza dei fattori strategici di redditività così da poter individuare subito su quali aeree intervenire per aumentare il Mol (margine operativo lordo). Inoltre le aziende possiedono un patrimonio di dati che deve essere sfruttato per portare frutti”.

Annarosa Toso

 

Tags: ,

Potrebbe interessarti