La robotica trasformerà l’industria dei viaggi, dice GlobalData

L’industria della robotica di servizio trasformerà l’industria dei viaggi e del turismo, ma il personale umano non verrà sostituito, parola di GlobalData.

Il tasso di crescita

L’industria della robotica di servizio è destinata a registrare un tasso di crescita annuale composto del 21,5% per raggiungere i 216 miliardi di dollari nel 2030, trainato dagli investimenti nei settori rivolti ai consumatori, inclusi i viaggi e il turismo. L’intero settore della robotica è destinato a crescere da 70 miliardi di dollari nel 2022 a 568 miliardi nel 2030, afferma GlobalData.

I robot più richiesti

L’ultimo rapporto della società di analisi e dati, “Robotica nei viaggi e nel turismo“, rivela che i robot di consumo, i robot logistici, i droni e i robot di ispezione, pulizia e manutenzione riceveranno il maggior investimento dalle aziende lungo la catena del valore dei viaggi e del turismo.

Sarah Coop, analista di GlobalData, osserva che: “La robotica nei viaggi e nel turismo era considerata un espediente in passato, utilizzata già nel 2015 per le esperienze degli ospiti senza migliorare l’efficienza del personale, ma, con il miglioramento della tecnologia, gli investimenti hanno iniziato ad aumentare, per esempio nei robot impiegati per le consegne del servizio in camera, nei servizi di pulizia che utilizzano la luce uv, servizi di ispezione che utilizzano droni, servizi di traduzione e servizio clienti per migliorare l’efficienza operativa”.

Si prevede che i robot di consumo e i robot logistici cresceranno a un Cagr del 29% e del 21% rispettivamente tra il 2020 e il 2030, con lo sviluppo dell’intelligenza robotica e della robotica cloud, le flotte di pulizia coordinate e gli assistenti per il check-in della traduzione linguistica diventeranno più comuni e utili.

Gli hotel credono nella robotica cloud

“La pandemia ha reso l’igiene una priorità per i viaggiatori – osserva Coop -. I robot possono garantire che le aree ad alto rischio siano mantenute costantemente pulite, liberando tempo per il personale, in un momento in cui il settore dell’ospitalità sta vivendo una carenza globale di personale. Negli hotel più economici, i robot possono fornire efficienza operativa e migliorare i margini, mantenendo bassi i prezzi delle camere. Negli hotel di lusso, i robot possono offrire agli ospiti un’esperienza unica”.

Alcuni hotel hanno già iniziato a investire nella robotica cloud. Per esempio Huazhu Hotels Group e Btg Homeinns Hotels Group, che detengono rispettivamente il 7,04% e il 5,49% della quota di mercato globale (misurata nel database di GlobalData dal numero di proprietà), hanno investito in Shenzhen ExcelLand Technology, un fornitore di piattaforme mobili di robotica.

A quanto afferma Coop “la robotica sta diventando sempre più una priorità strategica per le aziende di viaggio e turismo e le registrazioni aziendali mostrano un aumento di anno in anno delle menzioni di robotica”. Ad esempio, Thomas Cook India sta utilizzando la robotica e l’intelligenza artificiale per automatizzare diversi processi manuali, che, a suo avviso, “hanno aumentato la produttività riducendo le spese”.

Il gruppo Huazhu in Cina ha implementato robot intelligenti alimentati dall’intelligenza artificiale, che “possono viaggiare per l’intero hotel per fare consegne di snack, articoli da toeletta, salutare gli ospiti e guidarli nelle loro stanze”.

“L’intelligenza robotica e la robotica cloud sono il futuro e guideranno gli investimenti nella robotica dei grandi attori del mercato – afferma l’analista di GlobalData -. I robot saranno in grado di collaborare e accedere a enormi quantità di dati, creando flotte intelligenti di robot che operano collettivamente. I progressi nell’IA miglioreranno anche l’intelligenza robotica, come il miglioramento delle capacità di traduzione e il riconoscimento facciale”.

Tags:

Potrebbe interessarti