Le novità in casa Airbnb

Lo scorso maggio Airbnb ha introdotto le Categorie, permettendo a milioni di persone di scoprire soggiorni unici. Oggi l’azienda introduce Airbnb Start, pensato per rendere ancora più facile la pubblicazione di un annuncio su Airbnb. Arriva anche AirCover, l’assicurazione potenziata per gli host che offre maggiore protezione a tutto tondo, verifica dell’identità degli ospiti, tecnologia per il controllo delle prenotazioni e una migliore protezione danni fino a 3 milioni di dollari, inclusa una copertura per automezzi e barche e la protezione per gli oggetti d’arte e di valore.

Le nuove categorie

Sono intanto sei le nuove tipologie di alloggi e una migliore visualizzazione delle categorie. ““Airbnb è nata durante un periodo di recessione. Io e Joe non potevamo permetterci di pagare l’affitto, così abbiamo

gonfiato tre materassini ad aria e creato AirBed & Breakfast. Presto persone da tutto il mondo si sono unite a noi – dice Brian Chesky, ceo e cofondatore di Airbnb -. Oggi, proprio come durante la recessione del 2008, le persone sono interessate ad avere un guadagno extra attraverso l’ospitalità. È per questo che abbiamo creato un modo semplice con cui milioni di persone possono pubblicare un annuncio su Airbnb. Con Airbnb Start ogni nuovo host Airbnb riceverà gratuitamente l’assistenza personalizzata di un Superhost, che lo accompagnerà dalla prima domanda alla prima prenotazione. E con l’assicurazione AirCover per gli host potenziata, questo è il momento perfetto per mettere il proprio spazio su Airbnb”.

Le nuove case su Airbnb vengono prenotate molto rapidamente. Metà degli alloggi che sono stati attivati e prenotati nel terzo trimestre del 2022 hanno ricevuto la prima prenotazione entro tre giorni. Airbnb rileva anche la crescita di nuovi host, specialmente in alcuni Paesi con alti tassi di inflazione.

Nell’ultimo anno oltre 30 milioni di persone hanno visitato il sito di Airbnb per scoprire di più sull’home sharing. Tra gli aggiornamenti introdotti dall’azienda: verifica dell’identità degli ospiti; tecnologia per il controllo delle prenotazioni; 3 milioni di dollari per la protezione dai danni e poi sarà ora possibile presentare una richiesta di protezione dai danni in pochi semplici passaggi e tenere traccia facilmente del progresso della richiesta, dalla presentazione al pagamento.

Tags:

Potrebbe interessarti