Il monito dalla Francia: si va verso un turismo elitario

Un riflessione sul futuro dei viaggi che vede un cambio radicale, con un ritorno del turismo d’élite e una riduzione nel numero dei passeggeri. E’ quanto emerge da un evento aziendale promosso da Entreprises du Voyage Île-de-France. Il suo presidente, Jean-Pierre Mas, ha spiegato che “il settore deve essere messo in guardia da un calo duraturo del numero di viaggiatori e da un’industria che si sta ritirando verso un certo elitarismo”.

Prenotazioni in ritardo

In tema di pratiche vendute fino a marzo 2023, il presidente ha precisato che “le prenotazioni sono in forte ritardo, il volume d’affari tornerà ai livelli normali. Tuttavia, allo stesso tempo, il numero di dossier sarà ancora in calo rispetto allo stesso periodo dei tempi pre-Covid.

La perdita di clienti è motivo di preoccupazione: “L’aumento del volume di affari può essere legato al fenomeno del revenge travel, al fatto che alcuni clienti avevano soldi da spendere. D’altra parte, dobbiamo preoccuparci del numero di clienti, che è diminuito, e questo si spiega con il fatto che una frangia dei nostri passeggeri è scomparsa. O non passano più da noi o non partono proprio”.

Tags:

Potrebbe interessarti

Nessun articolo collegato