Bergamo-Brescia parte oggi. Santanchè: “Grande opportunità per il territorio”

“Essere Capitale italiana della cultura è una grande opportunità per il territorio. Lo testimoniano anche gli importanti numeri, in termini di flussi turistici, ottenuti da Procida nel 2022. L’isola passa quindi un testimone importante con l’auspicio che Bergamo-Brescia Capitale italiana della cultura 2023 sia occasione per le città coinvolte, ma anche per tutta la nazione”. E’ il commento del ministro del turismo, Daniela Santanchè, al passaggio di testimone da Procida alle due città lombarde.

Oggi l’inaugurazione

Come si sa, la cerimonia di inaugurazione della Capitale Italiana della Cultura 2023 parte oggi, 20 gennaio, e durerà fino al 22 con un ricco palinsesto di eventi suddivisi nella tre giorni, che poi proseguiranno per tutto il 2023. Per Bergamo e Brescia, città designate per la prima volta insieme, la parola d’ordine dei prossimi dodici mesi è la valorizzazione della storia e del patrimonio artistico per incentivare l’incremento del turismo culturale.

Su Airbnb ricerche in crescita

Immediati i riscontri. Secondo quanto attesta Airbnb gli effetti si sono fatti subito sentire, infatti, crescono le ricerche dei viaggiatori per soggiorni nelle due città capitali della cultura. Rispetto allo scorso anno, le ricerche di alloggi a Bergamo per il 2023 sono quasi duplicate, mentre quelle di alloggi a Brescia oltre triplicate, con picchi per i primi giorni dell’anno e nel primo weekend di aprile.

Per quanto riguarda gli arrivi, a prevalere è il turismo domestico, mentre i dati raccontano come brasiliani e americani si posizionano al secondo e terzo posto nella top 5 dei viaggiatori che stanno valutando un soggiorno, seguiti a livello europeo da tedeschi e francesi. Ad attrarre non solo monumenti storici e complessi archeologici, ma anche patrimonio paesaggistico ed enogastronomico. Tra gli alloggi in cui poter soggiornare, ci sono case affrescate, ville immerse in oliveti o vigneti, appartamenti storici; mentre rispetto alle esperienze prenotabili su Airbnb nei centri storici, ma anche nelle campagne che circondano queste due città, i viaggiatori possono scoprire cultura e tradizioni locali, partecipando a una degustazione di olio extra vergine d’oliva o a un’esperienza culinaria, ma anche una passeggiata a cavallo sulle colline gardesane e scoprire le rocche e i castelli del Garda bresciano.

Nasce Longobard Experience

Intanto arrivano le invasioni digitali. Infatti IgersItalia e l’Associazione Italia Langobardorum lanciano in partnership Longobard Experience, una serie di invasioni digitali che racconteranno, tramite web e social, le tracce dei Longobardi in Italia.

L’appuntamento è per sabato 21 e domenica 22 gennaio a Brescia, dove si incontreranno più di venti community di IgersItalia per produrre un social storytelling volto a raccontare le bellezze storico-artistiche ed i beni Longobardi della città e gli eventi che si svolgeranno in concomitanza della cerimonia inaugurale di Brescia e Bergamo Capitale della Cultura 2023.

Il Teatro Grande, il Capitolium, l’Area Archeologica, il Teatro Romano ed il Museo di Santa Giulia che ospiterà l’inaugurazione della rinnovata sezione romana “L’età romana. La città“, saranno solo alcuni dei luoghi che saranno visitati e raccontati nel corso delle due giornate. La domenica anche il Museo Mille Miglia sarà protagonista di un’invasione digitale.

L’appuntamento Longobard Experience di Brescia è solo il primo di una serie di invasioni digitali che si terranno, nei prossimi mesi, dal Nord al Sud d’Italia, nei luoghi del sito seriale Unesco “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” che sono diffusi in tutta la penisola italiana.

Lombardia, Puglia, Umbria, Friuli-Venezia Giulia e Campania, sono le cinque regioni con sette città che conservano i monumenti più significativi del periodo longobardo in Italia.

Tags: , , , , ,

Potrebbe interessarti