Mediterraneo, gli italiani in vacanza non vogliono sorprese

Passaparola, motori di ricerca, siti di recensione i principali mezzi di informazione mentre l’instabilità politica rimane un freno sensibile su alcune destinazioni del Mediterraneo. Travellyze, la piattaforma cloud based di International Tourism Group (Itg), di cui fa parte Interface Tourism Italy, ha effettuato per Guida Viaggi un’analisi sul profilo dell’italiano che cerca la vacanza mare in uno dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e il rapporto dei nostri connazionali con alcune destinazioni, nello specifico Francia, Spagna, Grecia, Croazia, Turchia, Tunisia, Malta, Albania e Cipro.

Budget medio per un viaggiatore maturo

L’italiano che viaggia nel Mediterraneo è soprattutto una persona matura (soprattutto tra i 45 e i 44 anni) con un budget di spesa medio basso (oltre il 70% sotto i 3mila euro).
A livello regionale si nota una sostanziale stabilità nella distribuzione demografica, con piccole differenze: al Nord si ha una maggiore incidenza dei turisti molti giovani (<24) o senior (>75), al centro troviamo una distribuzione demografica omogenea, con eccezione di giovani e senior mentre al Sud si nota un incremento della fascia 65-74 anni, con percentuali più basse della media per gli <44.
Per quanto riguarda il budget, a livello regionale si nota un budget di spesa più elevato al Nord (24% oltre i 3mila euro rispetto all’11% del Sud).

Passaparola e web

Passaparola, motori di ricerca, siti di recensione si confermano i principali mezzi di informazione per la scelta del viaggio. Ci sono però differenze regionali importanti.
Nel Sud le agenzie di viaggio fisiche sono al quarto posto, seguiti dai social network, dove Facebook sopravanza Instagram. Al Centro al quarto posto ci sono i social media (Facebook e Instagram alla pari), mentre le agenzie di viaggio sono sotto la media. Il Nord si dimostra più tecnologico, con valori sopra la media per Ota e riviste di viaggio online, ma l’importanza di Facebook è decisamente sotto la media. Sopra la media anche l’importanza delle riviste di viaggio e lifestyle.

Bene Spagna e Francia

Per gli italiani di tutta Italia la Spagna è la destinazione con l’immagine più alta. La prossimità conta molto nel modellare l’immagine: al Nord la Francia ha un’immagine più alta rispetto alla media, al centro spiccano Grecia e Croazia, al Sud Malta e Albania. Turchia e Tunisia, storici best seller del Mediterraneo, soffrono per l’instabilità politica.
Francia e Spagna si contendono la palma di destinazioni ritenute più conosciute dal mercato, con la Francia che sorpassa la Grecia rispetto alla classifica dell’immagine. In linea generale al Nord si dichiara una conoscenza delle destinazioni sopra la media nazionale, mentre al Sud i valori sono costantemente al di sotto. Il centro fa da collante, con valori generalmente più simili alla media nazionale.

La percezione

A livello nazionale, per chi non ha mai visitato la destinazione, si possono distinguere 3 diversi livelli di percezione: sopra il 90% per Spagna, Grecia, Malta, le destinazioni più balneari, sopra l’80% per destinazioni considerate non solo mare come Croazia, Cipro, Francia, sopra il 70% per quelle ritenute politicamente più problematiche come Albania, Turchia, Tunisia.

Al Nord questa distinzione si ripete indifferenziata, con una leggera preferenza della Turchia rispetto all’Albania e un dato di percezione della Croazia sopra la media. Al centro la percezione più alta spetta a Malta, mentre il terzetto di coda vede Tunisia, Albania e Turchia. Al Sud Malta è al secondo posto prima della Grecia, seguita dalla Francia che sopravanza Croazia e Cipro. Il terzetto di coda, pur rimanendo tale, dimostra percezioni più alte rispetto alla media per tutte e tre le destinazioni, in particolare Albania (78,4 rispetto a un 73,7 nazionale) e Tunisia (76 rispetto a un 71,2 nazionale).

Leggi tutto il nostro approfondimento sulle destinazioni del Mediterraneo su prossimo numero di Guida Viaggi Magzine.

P.O.

 

 

Tags: , ,

Potrebbe interessarti