Iata: si rafforzano le prospettive di redditività delle compagnie aeree

Iata ha annunciato un previsto rafforzamento della redditività del settore aereo in un aggiornamento delle sue prospettive per il 2023. I punti salienti sono:

  • i profitti netti del settore aereo dovrebbero raggiungere i 9,8 miliardi di dollari nel 2023 (1,2% di margine di profitto netto), più del doppio rispetto alla precedente previsione di 4,7 miliardi di dollari (dicembre 2022).
  • i profitti operativi del settore aereo dovrebbero raggiungere i 22,4 miliardi di dollari nel 2023, un risultato nettamente migliore rispetto alla previsione di dicembre di un profitto operativo di 3,2 miliardi di dollari. Si tratta inoltre di più del doppio dei 10,1 miliardi di dollari di utili operativi stimati per il 2022.
  • si prevede che nel 2023 viaggeranno circa 4,35 miliardi di persone, che si avvicinano ai 4,54 miliardi di persone che hanno volato nel 2019.
  • i ricavi totali dovrebbero crescere del 9,7% rispetto all’anno precedente, raggiungendo gli 803 miliardi di dollari. È la prima volta che i ricavi del settore supereranno la soglia degli 800 miliardi di dollari dal 2019 (838 miliardi). La crescita delle spese dovrebbe essere contenuta all’8,1% annuo.

La performance finanziaria delle compagnie aeree nel 2023 sta battendo le aspettative. La maggiore redditività è sostenuta da diversi sviluppi positivi. La Cina ha eliminato le restrizioni Covid-19 prima del previsto. Inoltre, sul fronte dei costi, c’è un po’ di sollievo. I prezzi del carburante per aerei, sebbene ancora elevati, si sono moderati nella prima metà dell’anno”, ha dichiarato Willie Walsh, dg della Iata.

Il ritorno alla redditività netta, segnala Iata, anche con un margine di profitto netto dell’1,2%, è un risultato importante. In primo luogo, è stato raggiunto in un periodo di notevoli incertezze economiche. In secondo luogo, segue le perdite più gravi della storia dell’aviazione (183,3 miliardi di dollari di perdite nette per il periodo 2020-2022 (compreso), per un margine di profitto netto medio del -11,3% in quel periodo). Va notato che il settore aereo è entrato nella crisi Covid-19 al termine di una storica striscia di profitti che ha visto un margine di profitto netto medio del 4,2% per il periodo 2015-2019.

Le incertezze economiche non hanno smorzato il desiderio di viaggiare, anche se i prezzi dei biglietti hanno assorbito i costi elevati del carburante. Dopo le profonde perdite della pandemia, anche un margine di profitto netto dell’1,2% è qualcosa da festeggiare. Ma con le compagnie aeree che guadagnano in media solo 2,25 dollari per passeggero, riparare i bilanci danneggiati e fornire agli investitori rendimenti sostenibili sul loro capitale continuerà a essere una sfida per molte compagnie aeree”, ha dichiarato Walsh.

Tags:

Potrebbe interessarti