Il turismo nautico nuova leva per la Croazia

La Croazia, Paese delle 1244 isole, traccia un bilancio relativo ai primi cinque mesi dell’anno e i dati sono più che incoraggianti. Complessivamente gli arrivi sono stati 3.8 milioni (+30% rispetto allo stesso periodo del 2022) e 12.3 milioni i pernottamenti (+25%). Per quanto riguarda, nello specifico, il mercato italiano oltre 142mila gli arrivi (+38.62%) e 358mila i pernottamenti (+32%)

Per quest’anno, inoltre, non mancano gli investimenti e le nuove aperture sul fronte alberghiero partendo dall’Istria fino a Dubrovnik, così come ricco il calendario degli eventi e festival musicali. Soggiorni in barca, una destinazione ideale per i target più giovani, ma anche per le famiglie, “tutti questi elementi, che si coniugano e completano alla perfezione, rendono la Croazia la destinazione ideale dove trascorrere la propria vacanza” ha affermato Viviana Vukelic, direttrice dell’Ente nazionale croato per il turismo in Italia.

Proprio il turismo nautico si sta rivelando un segmento chiave, un trend analizzato dalla nuova ricerca “Tomas 2022” svolta dall’Istituto del Turismo Croato. I noleggiatori più affezionati sono gli italiani, sloveni, americani, austriaci e tedeschi, la richiesta per il charter nautico arriva da: Paesi nordici (54%), Usa (39%), Olanda (39%) e Gran Bretagna (38%). I diportisti italiani sono affezionati all’Adriatico croato, poco meno del 40% di loro registra più di sette visite. Molto spesso navigano con la famiglia (41%) e accompagnati dal proprio partner (39,8%), la spesa media giornaliera dei diportisti italiani ammonta a 279,54 euro ed è sopra la media rispetto alla media di tutti i mercati.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti