Le tre direttrici di Lione per crescere

Turismo responsabile, gastronomia e patrimonio. Sono le tre direttrici attorno alle quali gravita la strategia di marketing della città di Lione. A raccontarle a Guida Viaggi è Robert Revat, presidente di OnlyLyon, in occasione di un evento organizzato da Atout France. Il primo filone, quello della sostenibilità, è stato avviato già dal 2019 e punta sui seguenti assi: “Cercare turisti all’interno del bacino mediterraneo europeo, senza inseguire i mercati lontani  – commenta il direttore -. Altro punto è quello di sviluppare la durata del soggiorno, che ora ha raggiunto i 4 giorni”. Trattenere le persone più a lungo permette anche di far ammortizzare i costi di trasporto e a visitare meglio il territorio circostante, che comprende tra l’altro la famosa zona del Beaujolais. C’è poi un altro aspetto che riguarda l’offerta e che “punta ad ottenere delle etichette per garantire la propria attenzione al tema”. A questo proposito la città di Lione aiuta le aziende nel processo di “labelizzazione” sostenendo l’80% delle spese pagate e aiutando nel disbrigo delle pratiche.

L’offerta del gusto e il patrimonio Unesco

Sull’offerta enogastronomica Lione e la regione non teme confronti, grazie ad un’offerta molto vasta che va dai ristoranti stellati alle cucine più economiche, e grazie anche a sforzi continui dei ristoratori per seguire le nuove tendenze di mercato. Per valorizzare il patrimonio Unesco del centro storico cittadino, di origine rinascimentale, l’ufficio del turismo ha anche lavorato sui circuiti per visitare al meglio la città vecchia, in condizioni ottimali e senza traffico. “Promuoviamo un turismo diffuso, grazie all’opera di volontari che accompagnano i turisti durante i tour e danno loro consigli”, sottolinea il direttore.

Le infrastrutture

Sul fronte infrastrutturale, poi, la città ha sviluppato il settore dell’ospitalità con nuovi modelli, in grado di attirare un pubblico sempre più vasto, aumentando il parco camere che attualmente ne conta 30mila. La città sarà inoltre più accessibile in bici, grazie ad un progetto di pista lunga 150 km. Anche lato Mice la città sta registrando buoni riscontri, così come in generale le presenze stanno riguadagnando i livelli del 2019. A supporto delle comunicazioni, il potenziamento dei collegamenti ferroviari con Trenitalia che sta puntando, da fine 2021, all’alta velocità con la linea Milano-Parigi, che sarà oggetto di ulteriore sviluppo entro il 2024.

L’idea per il personale

E se come tutti i principali mercati di vacanza, anche Lione ha perso del personale nel periodo Covid, ha saputo reagire con delle riflessioni che hanno portato ad adottare orari diversi e aumentare i salari, per andare incontro alle richieste dei lavoratori.

Laura Dominici

Tags: ,

Potrebbe interessarti