EDITORIA - EVENTI - SERVIZI DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE
Italian Hotel Monitor: crescono occupazione e prezzo medio camera

Per l’industria turistica italiana il 2023 si conferma l’anno della definitiva ripartenza, non solo sul fronte del business travel, il segmento che più di ogni altro ha sofferto per la pandemia, ma anche sul fronte dei mercati turistici internazionali. E le previsioni per la seconda parte dell’anno sono altrettanto positive grazie all’incremento del movimento turistico non solo europeo, ma anche statunitense, sudamericano e asiatico.

Gli indicatori di Italian Hotel Monitor

Secondo gli indicatori di Italian Hotel Monitor, elaborato da Trademark Italia, dopo una chiusura positiva dei primi tre mesi dell’anno, anche il secondo trimestre va in archivio con un risultato in sensibile crescita rispetto al 2022 per l’industria alberghiera italiana, sia in termini di occupazione camere (+5,9 punti) sia di prezzo medio camera (+17,3%), con una tendenza positiva del movimento turistico business ed ancor più di quello leisure, sostenuto dal ritorno in massa dei clienti extraeuropei.

La buona performance del secondo trimestre dell’anno non consente per ora di superare i numeri pre-Covid del 2019 in termini di occupazione camere (-0,3 punti), ma il dato va letto alla luce di un incremento del 17,3% del prezzo medio camera sul 2022 (+25,9% sul 2019).

I dati confermano un buon andamento in tutte le tipologie ricettive, con il settore luxury (5 stelle) in crescita rispetto al 2022 per Adr (+23,2%) e R.O. (+5,1 punti), il settore upscale (4 stelle) che cresce per Adr (+14,8%) e R.O. (+4,1 punti) e il settore midscale (3 stelle) in crescita di +4,1 punti di R.O. e +14% di prezzo medio camera.

La performance delle città

Analizzando l’andamento della R.O. su scala nazionale, tra le 39 città monitorate ne emergono 37 che superano la simbolica quota (gestionalmente parlando) del 60%, 20 città stanno al di sopra del 70% di occupazione camere. Firenze (81,3%), Napoli (81,0%) e Roma (80,4%) guidano la graduatoria con una R.O. superiore all’80%, seguite da Como (79,7%), Milano (78,5%), Genova (75,6%), Udine (75,5%), Bergamo (75,1%) e Palermo (75,0%) oltre il 75%.

Venezia al vertice del ranking 

Per quanto riguarda il prezzo di vendita, al vertice del ranking Top 10 si conferma Venezia, con un prezzo medio camera di 239,68 euro (+19,9% rispetto allo scorso anno), davanti a Firenze (205,09 euro, +22% sul 2022), Milano (197,81 euro, +19,2% sul 2022), Roma (179,33 euro, +20,5% sul 2022), Como (149,01 euro, +25,6% sul 2022), Napoli (115,19 euro, +17,1% sul 2022), Genova (107,94 euro, +12,8% sul 2022), Bologna (104,85 euro, +6,0% sul 2022), Torino (104,84 euro, +8,9% sul 2022) e Palermo (102,06 euro, +8,1% sul 2022), tutte città che hanno beneficiato del massiccio ritorno della clientela internazionale extraeuropea.

Tags:

Potrebbe interessarti