Piano del mare, Santanchè soddisfatta: “Fondamentale anche per il turismo”

Il ministro del Turismo, Daniela Santanché commenta con favore il Piano nazionale del mare. A suo dire il governo, “con l’approvazione del piano Nazionale del mare, colma una lacuna per l’Italia, che sino a oggi non aveva nessuna strategia a lungo termine sulle politiche del mare. Oggi, grazie al Cipom – commenta Santanchè – possiamo valorizzare il nostro mare, che è parte integrante dell’identità italiana e rappresenta non solo uno snodo cruciale per i traffici commerciali, ma anche un asset strategico per il turismo”.

Il Mediterraneo conta 400 milioni di visitatori

Numeri alla mano, la nota del ministero sottolinea che il Mediterraneo risulta essere la prima area turistica in assoluto, con quasi 400 milioni di visitatori, oltre 20 milioni di lavoratori e il 32% degli arrivi internazionali da tutto il mondo.

“Il turismo legato al mare – prosegue il ministro – non è solo quello nautico o quello delle belle spiagge e degli scogli da cui tuffarsi in acque cristalline, che ha comunque dei buoni numeri, ma è anche un intreccio di tipologie di turismo che ci possono consentire di destagionalizzare e di far vivere il comparto dodici mesi l’anno, basti pensare al pescaturismo o all’ittiturismo, che al tempo stesso fanno rivivere i meravigliosi borghi marini e che contribuiscono, quindi, in modo importante a collocare la nostra nazione al terzo posto in Europa per quanto riguarda l’economia blu”.

Pertanto, un piano che consenta di programmare una politica marittima unitaria e strategica, coinvolgendo attori pubblici e privati del “sistema mare”, viene visto come “di capitale importanza anche per il turismo e si integra in maniera complementare con quanto il piano industriale del Ministero prevede in materia di turismo di mare”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti