eDreams, il modello degli abbonamenti motore della crescita

Un altro trimestre di sovraperformance con il modello degli abbonamenti di viaggi che si è confermato motore principale della crescita. E’ ciò che ha ottenuto eDreams Odigeo.

La piattaforma Prime

La società di abbonamenti di viaggi e di e-commerce ha pubblicato i risultati per il primo trimestre dell’esercizio 2024, chiuso il 30 giugno 2023. Il trimestre è stato sempre alimentato dal suo modello basato su abbonamenti con una crescita in tutti i parametri chiave: i profitti, i ricavi e gli abbonati sono aumentati.

Prime, la piattaforma di abbonamenti di viaggi, rimane il motore principale della crescita dell’azienda poiché ha continuato a sovraperformare in modo eccezionale, con la sua base di abbonati in crescita del 47% a 4,7 milioni nel primo trimestre dell’esercizio e che raggiunge attualmente un totale di 4,9 milioni di abbonati.

La continua esecuzione strategica della società la avvicina sempre di più al raggiungimento degli obiettivi prefissati per il 2025: oltre 7,25 milioni di abbonati Prime, Arpu (ricavi medi per utente) di circa 80 euro ed Ebitda di cassa superiore a 180 milioni.

I dati di bilancio

Il modello di abbonamento continua a portare miglioramenti significativi in termini di redditività. La maturità degli abbonati Prime è il fattore più importante per la redditività e ciò ha comportato miglioramenti sostanziali nella redditività poiché sempre più abbonati Prime rinnovano i loro abbonamenti e sono al secondo anno e oltre del loro abbonamento.

L’Ebitda di cassa è più che raddoppiato, raggiungendo i 29,4 milioni, contro i 14,0 milioni riportati nel primo trimestre dell’esercizio 2023. Il margine Ebitda di cassa è cresciuto di 9 punti percentuali anno su anno. Il profitto marginale di cassa si è attestato a 52,0 milioni, in crescita del 55%, e il margine ha registrato un miglioramento di 10 punti percentuali su base annua.

Il margine sui ricavi – escluse le voci relative all’adjusted revenue – e il margine dei ricavi di cassa sono aumentati rispettivamente dell’8% e del 5%, su base annua, a seguito del successo dell’espansione della base di abbonati Prime, nonostante il contesto di un settore che si sta spostando verso modelli di stagionalità più normalizzati.

Prime, continua a migliorare la qualità del business e cresce fortemente. Gli abbonamenti sono aumentati del 47%, raggiungendo i 4,7 milioni alla fine del primo trimestre e superando i 4,9 milioni ad agosto.

La nuova ripartizione dell’informativa

In seguito al passaggio dal business della società da transazionale a basato su abbonamento, l’azienda ha deciso di adattare le proprie informazioni finanziarie per riflettere meglio la propria performance operativa come società fornitrice di servizi in abbonamento. Da ora in poi, gli indicatori di performance verranno presentati all’interno di due nuovi segmenti: Prime e Non Prime (una descrizione più dettagliata dei parametri futuri è evidenziata nella Panoramica finanziaria).

La società fa sapere in una nota di essere sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi prefissati per il 2025. Più di 7,25 milioni di abbonati a Prime, Arpu (Ricavi medi per utente) pari a 80 euro ed Ebitda di cassa superiore a 180 milioni.

Un approccio innovativo

Abbiamo registrato un inizio stellare per il nostro esercizio, con risultati che riflettono direttamente il successo del nostro approccio strategico e innovativo e la dedizione del nostro talentuoso team – ha affermato Dana Dunne, ceo di eDreams Odigeo -. I nostri investimenti e le nostre decisioni stanno chiaramente dando i loro frutti, mettendoci in una posizione ottimale per espanderci ulteriormente. A soli 18 mesi di distanza, stiamo ora guardando oltre i nostri obiettivi per il 2025, un tempo considerati ambiziosi, che sono ora ben raggiungibili grazie all’eccellente esecuzione operativa e strategica dei nostri piani”.

Il modello di acquisto in abbonamento

Come sottolinea Dunne, Prime è stato presentato nel 2017, “il nostro programma di abbonamento, distinguendoci così da tutte le altre aziende del settore viaggi tradizionali. Mentre in altri settori, come quello dei supermercati (Costco) o dei servizi di streaming video (Netflix) da tempo è presente il modello di acquisto in abbonamento, in questo, prima di eDreams, nessuno proponeva questa modalità. Ad oggi, sono i risultati a dimostrare il nostro successo, con la maggior parte dei ricavi e profitti che ora derivano da questo segmento. Adesso siamo infatti a tutti gli effetti una società di abbonamenti di viaggi. Di conseguenza, stiamo introducendo una nuova ripartizione dell’informativa, allineata ad attività simili in abbonamento, consentendo così ai nostri principali stakeholder di comprendere meglio i nostri progressi. Questa performance è profondamente radicata nelle nostre capacità tecnologiche in continua crescita – afferma -. Mentre continuiamo a rafforzare il nostro potere tecnologico, in particolare nel campo dell’intelligenza artificiale, siamo emersi come leader non solo nel settore dei viaggi, ma anche nel più ampio settore dell’e-commerce, aprendo una strada che altri potranno seguire. Mentre tracciamo il percorso da seguire, lo facciamo con maggiore fiducia nelle infinite opportunità che ci attendono”.

Tags:

Potrebbe interessarti