Rimborso per ritardi: la Iata chiede revisione legge

La legislazione europea stabilisce che le compagnie aeree devono pagare agli utenti le spese di vitto, alloggio e viaggio derivanti da tutti i tipi di ritardi, siano essi causati dalle compagnie aeree o meno (vedi ad esempio il caos ritardi in Europa a causa del blocco dell’aviazione nel Regno Unito).

Il sistema informatico

Nell’ultima settimana di agosto, il sistema informatico del Nats, l’operatore dello spazio aereo britannico, è andato in tilt per un giorno, causando un’ondata di ritardi e cancellazioni in tutta Europa. In questi casi, le compagnie aeree non sono tenute a risarcire il viaggiatore, riporta una testata trade spagnola, ma devono pagare le spese di alloggio e di trasferimento alternativo. Le compagnie aeree stimano che si tratti di costi di poco superiori a 100 milioni di euro, più elevati nel caso di compagnie a lungo raggio o di quelle le cui rotte non hanno posti a sedere e rendono difficile il trasferimento dei viaggiatori.

La pressione sull’Ue

Questi fatti, spingeranno le compagnie aeree ad aumentare la loro pressione sull’Unione Europea affinché cambi la legislazione. Almeno questo è ciò che lascia intendere il direttore generale della Iata, Willie Walsh – ex amministratore delegato della Iag, proprietaria di British Airways e Iberia – che ha chiesto che questi costi vengano pagati dalla Nats, l’organizzazione a cui si deve l’inconveniente informatico che ha bloccato mezza Europa. 2La Nats deve rispondere a una domanda fondamentale su chi sia responsabile di questo fiasco – ha detto Walsh -. Un tale fallimento in un servizio essenziale è inaccettabile e mette in discussione le autorità politiche che hanno commissionato a Nats questo lavoro”, ha aggiunto.

Le stime di Cirium

Cirium, l’organizzazione che studia i flussi di aeromobili in tutto il mondo, ha stimato che il guasto da solo ha causato 2.000 cancellazioni di voli in tutta Europa, con il Regno Unito che è stato il più colpito. Si stima che fino a 300.000 passeggeri siano rimasti a terra, una situazione particolarmente grave nel caso di Maiorca, che aveva già subito ritardi a causa della precedente tempesta.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti