Il grande potenziale di Rio de Janeiro: leisure, business ed eventi

E’ stato Gustavo Tutuca, segretario al turismo dello Stato di Rio de Janeiro ad illustrare le caratteristiche di Rio de Janeiro, porta d’ingresso indiscussa per il Brasile.

I numeri di Rio

“Rio – ha rimarcato il manager – è una destinazione pronta ad accogliere tutti i tipi di turismo, sia leisure che business. Le strutture ricettive sono 3.257, 750 le imprese di trasporto, 894 le società che organizzano eventi, 4.762 le agenzie di viaggio e oltre 10.000 le guide turistiche della città. I turisti che arrivano in Brasile non possono che riconoscere che Rio è una delle città che ogni viaggiatore vorrebbe visitare e una delle cinque città al mondo con più potenziale di crescita”.

Leisure, business ed eventi

Rio è inoltre proposta non solo come destinazione leisure, ma come meta di affari ed eventi tra cui il Capodanno e il famosissimo carnevale.

“Il carnevale di Rio è la più grande manifestazione culturale del pianeta che si svolge in circa 50 giorni. La preparazione per la festa avviene 7 mesi prima dell’evento e nel complesso genera più di centomila posti di lavoro. Durante il carnevale l’occupazione media degli hotel è del 95%. Solo la città di Rio contribuisce al 5,5% del pil nazionale”.

Sulla sicurezza, il manager ha voluto sottolineare che tanto si è fatto per rendere il soggiorno dei turisti tranquillo, annunciando che è stato speso un mld di reals (pari a circa 200 mln di dollari) nelle forze di sicurezza e per acquistare un sistema video di monitoraggio urbano con telecamere di riconoscimento facciale e letture delle targhe. Sistemi che saranno installati sulle strade principali, tunnel e lungo tutta la costa.

Italia mercato prioritario

“Ma non solo Rio – commenta Gustavo Tutuca – . A poca distanza dalla città ci sono zone imperdibili come la Costa del Sole, la Costa Verde, la Serra Verde Imperiale, Agulhas Negras dove scoprire paradisi acquatici, foreste tropicali, tradizioni come le strade del caffè, fortezze, mari limpidi, spiagge incontaminate, siti patrimonio Unesco. L’Italia – ha concluso – è per il Brasile, uno dei mercati prioritari. Molte le compagnie aeree che collegano i due Paesi, direttamente come Ita, o con scali come Tap, British e altri vettori”. Rio ospiterà per il prima volta nel 2024 il G20.

Annarosa Toso

Tags:

Potrebbe interessarti