Turismo e popolazioni native: la scelta delle Filippine

Nelle Filippine il Dipartimento del Turismo (Dot) e la Commissione Nazionale per i Popoli Locali (Ncip) hanno siglato un accordo per creare una partnership strategica tra i due enti governativi a sostegno del progetto Katutubo-Kapwa. L’iniziativa a livello nazionale prevede il sostegno alle comunità culturali native nello sviluppo del turismo, coprendo soprattutto le destinazioni di Luzon, Visayas e Mindanao.

La cerimonia di firma del Memorandum of Agreement (Moa) è stata seguita dal segretario del Dot, Christina Garcia Frasco che ha sottolineato: “Siamo convinti che onorare le origini delle Filippine e del suo popolo contribuisca a rafforzare l’immagine del Paese, ad arricchire l’identità nazionale e a ricordare ai nostri concittadini che le Filippine sono una destinazione da amare, a cominciare da noi stessi, il popolo, comprese le nostre popolazioni native. È per questo che il Dipartimento del Turismo ha cercato questa partnership con l’Ncip, con la volontà di manifestare il nostro fermo impegno a onorare le nostre popolazioni locali e a dare loro supporto economico attraverso il turismo”.

Con l’Office of Special Concerns (Osc) del Dot sotto l’Ufficio del segretario (Osec) come capofila, il progetto Katutubo-Kapwa mira anche ad affrontare le problematiche di ogni destinazione del Paese. Questa sinergia è in linea con la volontà dell’attuale amministrazione di diversificare e uniformare lo sviluppo dei prodotti turistici, introdurre un turismo multidimensionale, rafforzare la governance del turismo attraverso una stretta collaborazione con le parti interessate e migliorare l’esperienza turistica dei viaggiatori.

Anche il presidente dell’Ncip Capuyan è grato al Dot per la partnership: “È per noi un onore e un privilegio collaborare con il Dipartimento del Turismo nell’attuazione del nostro progetto Katutubo-Kapwa, che mira a coinvolgere le comunità culturali e le popolazioni native nello sviluppo del turismo. Speriamo che questo apra la strada a un brillante futuro turistico”.

Tra gli impegni assunti dal Dot a seguito della partnership, c’è la fornitura di sostegno finanziario per lo sviluppo degli strumenti turistici, per i progetti infrastrutturali, per lo sviluppo dei prodotti, che contribuiranno a migliorare lo status socio-economico delle Cpi/Ip e a sviluppare le loro tradizioni. Il Dipartimento si impegna a donare assistenza e finanziamenti per i progetti turistici identificati delle Cpi/Ip per la creazione di imprese, mezzi di sostentamento e posti di lavoro, con il supporto delle agenzie collegate, per contribuire a ridurre la disoccupazione del Paese. Il segretario Frasco ha sottolineato l’importanza di trovare un equilibrio tra patrimonio e promozione come proposta di valore per il turismo.

Tags:

Potrebbe interessarti