EDITORIA - EVENTI - SERVIZI DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE
Club Med Tinley, nel 2026 il primo resort del gruppo in Sudafrica

Risultati record, nel primo semestre, per Club Med. Il gruppo per la prima volta ha realizzato un fatturato superiore a 1 miliardo di euro (1,061 miliardi), con un aumento del 32% rispetto allo stesso periodo del 2022 con un utile operativo di 159 milioni mentre l‘Ebitda adjusted è di 265 milioni di euro.

New entry Sudafrica 

Intanto il gruppo si prepara a un’importante new entry a partire dal 2026: il Club Med Tinley, il primo in Sudafrica con accesso diretto a 32 ettari di spiaggia nella provincia di KwaZulu-Natal. Il resort sarà caratterizzato da un concetto di surf-lifestyle (con la prima scuola di surf firmata Club Med), inoltre gli ospiti avranno la possibilità di intraprendere un’esperienza safari nel Game Lodge per vedere i Big Five (leone, leopardo, rinoceronte, elefante africano, bufalo africano) della savana africana. “Dalla sua creazione nel 1950 Club Med è pioniere nella scelta delle destinazioni e delle esperienze riservate ai suoi clienti e il nuovo Club Med Tinley ne è la prova. Questo resort offrirà alle famiglie emozioni uniche, con tutti i servizi Premium All Inclusive che contraddistinguono l’offerta Club Med” afferma Rabeea Ansari, managing director Southern Europe & emerging markets di Club Med.

Capienza e tasso di occupazione

La capienza è aumentata del 13% rispetto al 2022 ed è tornata al 99,2% rispetto al livello del 2019. I clienti del primo semestre sono stati 766mila, in aumento del 28% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questa crescita è dovuta principalmente agli investimenti effettuati negli ultimi anni per aggiornare l’offerta di resort sulle Alpi e all’apertura di nuove strutture a livello globale. Il tasso medio globale di occupazione delle camere ha raggiunto il 70%, in aumento del 6% rispetto al primo semestre 2022. Anche per la seconda metà dell’anno le aspettative sono positive: le prenotazioni sono in aumento del 6% rispetto al 2022.

Italia e long haul

Per quanto riguarda l’Italia, Club Med ha registrato una crescita del +68% nel primo semestre del 2023 rispetto al primo semestre 2022. A giocare un ruolo fondamentale è stata fatta dalle destinazioni a lungo raggio (+58%) con risultati importanti realizzati da Michès e Les Boucaniers grazie alla possibilità di viaggiare Oltreoceano senza passaporto. Guardando all’estate appena conclusa Club Med chiude l’estate con risultati più che soddisfacenti che vedono al primo posto tra le mete più richieste dai clienti italiani il Club Med Cefalù. Il resort, unico Exclusive Collection del Mediterraneo, si è aggiudicato il 17% del totale delle prenotazioni di soggiorni nel bacino Mediterraneo e il 52% delle vendite tra le mete di corto raggio.

Convention e garanzia neve

Tra le altre novità una convention dedicata alle agenzie di viaggio top e a quelle appartenenti al Trident Club che si svolgerà a inizio ottobre a Cefalù. Infine in vista della prossima stagione invernale, per i clienti delle strutture in montagna, inclusa nel soggiorno sarà inclusa la ‘Garanzia neve’: una polizza che, in caso di mancanza di neve appunto sulle piste, prevede lo spostamento degli ospiti su una struttura che soddisfi le loro esigenze. Intanto il gruppo ha lanciato la nuova campagna internazionale “Questo è l’Esprit Libre” che gioca con i cliché delle vacanze e affronta l’impatto sociale dei viaggi.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti