Istruttoria Ryanair: per Aidit serve “intervento rapido e risolutivo”

Aidit, aderente a Federturismo Confindustria, esprime la propria soddisfazione in merito all’apertura dell’istruttoria da parte dell’Autorità per la Concorrenza nei confronti di Ryanair dopo le numerose denunce di concorrenza sleale sollevate dall’intero comparto del tour operating e della distribuzione “e che hanno visto in prima linea la nostra associazione che già ad aprile aveva posto l’attenzione sul problema attraverso comunicati e con una lettera indirizzata al ministro del Turismo, Sen. Daniela Santanchè, nella quale si evidenziavano i significativi vantaggi competitivi di Ryanair derivanti dalla sua nazionalità irlandese e dai più che generosi incentivi concessi da circa due decenni da aeroporti ed enti locali”, dice la associazione in una nota.

La posizione dominante

Vantaggi – prosegue Aidit – che le hanno consentito “di penetrare il mercato italiano prima di ogni altro mercato continentale – con una velocità e una intensità senza pari in Europa – diventando ormai da alcuni anni il principale vettore aereo in Italia tanto da acquisire addirittura una posizione dominante in diversi collegamenti domestici e internazionali di breve e medio raggio”.

Politiche commerciali avverse alle adv

L’associazione fa presente che, nel contempo Ryanair “ha continuato a mettere politiche commerciali avverse alle adv, impedendo la libera intermediazione della rete di distribuzione nella vendita delle sue tratte e di conseguenza l’attività a migliaia di imprenditori attivi nei vari segmenti leisure, business travel, meeting and congress, viaggi di istruzione ecc.. E lo ha fatto ricorrendo alle più fantasiose soluzioni tecnico-informatiche (disattivando e riattivando a piacimento gli account delle agenzie, obbligando i passeggeri a riconoscimenti facciali per ogni contatto successivo all’acquisto del biglietto, ecc.). Una circostanza già di per sé molto grave, ma che nelle aree del Paese in cui Ryanair è di fatto monopolista sta diventando drammatica. Non solo in termini aziendali, ma anche per il conseguente basso livello di servizio e di assistenza che i nostri imprenditori sono costretti a offrire ai propri clienti, spesso stranieri”.

Serve un intervento risolutivo

Commentando l’apertura dell’istruttoria dell’Autorità per la concorrenza nei confronti di Ryanair, Domenico Pellegrino, presidente di Aidit, ha dichiarato: “Finalmente si accende la luce su un fenomeno fortemente discriminatorio per il comparto del turismo organizzato. Aidit aveva già posto all’Authority la questione con la richiesta di applicare forti sanzioni alla compagnia irlandese intimando loro l’eliminazione di tutte le restrizioni poste in essere nei confronti delle agenzie di viaggio che, di fatto, sono discriminate al pari dei viaggiatori che non hanno le capacità o che non desiderano prenotare attraverso il web. L’auspicio – afferma Pellegrino – è quello di un intervento rapido e risolutivo nella garanzia di mobilità di ogni cittadino italiano che non può né deve essere compromessa da politiche commerciali a dir poco discutibili”.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti