La Giordania di Mistral Tour conquista gli italiani

Sicurezza, vicinanza, ricchezza di mete e servizi, ospitalità. La Giordania è un mondo a sè nel contesto mediorientale. E piace agli italiani, moltissimo, come spiega Marco Biazzetti, responsabile Jordan Tourism Board Italia: “Stiamo vivendo un anno eccezionale dopo il 2022, che era stato il migliore di sempre. Ma il 2023, già oggi a quota 96.738 presenze, ha triplicato gli arrivi rispetto all’anno precedente, una tendenza positiva favorita anche dall’incremento dei collegamenti aerei, ulteriormente potenziati per l’inverno 2023/24 con voli diretti per Amman da cinque aeroporti e per Aqaba da tre scali nazionali. Contiamo, entro dicembre, di superare ampiamente i 100mila visitatori provenienti dall’Italia, primo mercato europeo per numero di turisti in Giordania, Paese nel quale il turismo quota il 25% del Pil. Il mercato ha perfettamente compreso il claim coniato durante la chiusura per il rilancio della destinazione: Regno del Tempo“.

Ottimo rapporto qualità-prezzo

In linea con l’andamento generale della destinazione anche il tour operator Mistral Tour di Quality Group, che rileva un incremento significativo delle vendite della destinazione.

“La Giordania, che ha vissuto un outgoing europeo fortissimo, è tra le destinazioni più vendute di tutta la programmazione del gruppo – afferma Marco Peci, direttore commerciale del Gruppo -, la più richiesta del Vicino Oriente, con una crescita di passeggeri rispetto allo scorso anno del 46%. Per Mistral è il terzo Paese per numero di passeggeri e il quarto per fatturato. Il segreto del suo successo, oltre alle attrattive culturali e naturalistiche straordinarie, è stata una riapertura lineare e semplice, che ha fatto comprendere al grande pubblico l’accessibilità. Oggi, adeguandosi alle esigenze delle nuove generazioni, sta puntando su una ricerca di diversificazione dai prodotti classici, con grande attenzione all’active e all’outdoor”.

“La Giordania – prosegue Peci – è vicina all’Europa e vanta un ottimo rapporto qualità-prezzo. Può consolidare il successo e manterlo nel tempo perché ha sempre puntato a un incremento dell’incoming nel pieno rispetto della sostenibilità. Il turismo, come industria globale, non potrà che crescere e sarà sempre più necessario, proprio nell’ottica di una conservazione e tutela dei patrimoni locali, che i flussi siano organizzati”.

Nuove esperienze

“A poche ore di volo dall’Italia – aggiunge Antonio D’Errico, product manager Mistral Tour – la Giordania custodisce siti archeologici di straordinaria bellezza e unicità e la parte storico culturale continua a essere la leva primaria del motore turistico nel Paese. Ma la nostra clientela chiede anche di poter vivere esperienze più originali, instagrammabili e da mostrare come novità ai propri amici.  Sono sempre più numerose le richieste di percorsi come il Jordan Trail da fare a piedi, 650 chilometri da Nord a Sud, toccando 52 villaggi, e il Jordan Bike Trail per le due ruote, ma anche per canyoning e trekking in ambienti naturali spettacolari che consentono di interagire con la popolazione. Altri highlight sono il Mar Morto, perfetto per una pausa rilassante a metà viaggio in hotel di alto livello, e i pernottamenti outdoor. Per soddisfare queste esigenze, rinnoviamo costantemente la nostra programmazione e da quest’anno abbiamo aggiunto programmi di trekking ed esperienziali che consentiranno di scoprire località splendide e ancora poco conosciute”.

La programmazione

Amazing Giordania e Giordania lungo i sentieri della Strada dei Re sono due dei nuovi itinerari proposti, che includono giornate di trekking nella riserva forestale di Ajloun Trail, la Biosfera di Dana e il Wadi Rum. Experience Jordan unisce invece il glamour di aperitivi presso i modernissimi sky bar di Amman a esperienze adrenaliniche, quali il trekking e canyoning a Wadi Mujib e Wadi Himara, e l’incontro con i locali con una sosta in una cooperativa artigianale gestita da donne giordane.

“Tra le novità della programmazione 2023/2024 di Mistral – aggiunge D’Errico – anche la commercializzazione in esclusiva per il mercato italiano di un nuovo campo tendato nel Wadi Rum che garantirà un servizio attento a ogni dettaglio e il miglior comfort.

Sport e spettacoli

La Giordania è oggi teatro elettivo per eventi sportivi di richiamo internazionale, richiamando numerosi atleti e appassionati. Anche il fitto calendario di appuntamenti culturali e spettacoli contribuiscono a fare della Giordania una delle mete turistiche più attrattive. Così è accaduto, solo per citare un esempio, al Teatro di Jerash, dove lo scorso luglio il Maestro Riccardo Muti ha diretto un’orchestra di duecento musicisti italiani e giordani.

Novità del 2023 è il Petra Light Show, lo spettacolare show di luci e suoni che illumina la facciata del Tesoro con proiezioni in 3D di artisti visual internazionali, combinando la tecnologia moderna con l’architettura antica del sito più famoso della Giordania.

Mistral Tour collaborerà con Jordan Tourism Board per implementare programmi di viaggio studiati ad hoc per seguire i grandi eventi sportivi, musicali, culturali promossi nella destinazione.

Paola Olivari

 

 

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti