La Sicilia alza l’asticella sugli arrivi e punta a nuovi target

La Sicilia è forte di una stagione estiva di successo. La regione ha una serie di azioni in cantiere volte all’ulteriore sviluppo del comparto turistico locale, dell’offerta e dei servizi. Il tutto con uno sguardo ai grandi eventi in programma nell’inverno alle porte.

I numeri rivelano che, gli arrivi nei primi otto mesi sono stati 3.736.864 ovvero il 2,2% in più rispetto al 2019 e il +10,3% al di sopra del totale del 2022. Per quanto riguarda le presenze da gennaio ad agosto il numero è di 11.274.741 con un incremento dell’1,7% rispetto al 2019 e del 7,5% se paragonate al 2022.

L’assessore al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, Elvira Amata, forte di questi risultati è reduce da un’estate che l’ha vista in prima linea a supportare l’eccellenza dell’offerta turistica siciliana. I nuovi obiettivi che si pone la Regione sono volti ad incentivare la destagionalizzazione e a motivare l’attenzione di nuovi target, alla ricerca di stimoli alternativi al solo mare.

I numeri che abbiamo raggiunto quest’anno sono l’espressione più evidente e confortante dell’importante lavoro svolto da settore turistico siciliano a tutti i livelli, dalle istituzioni al singolo privato – afferma l’assessore -. Sono sempre di più i turisti e i viaggiatori che imparano a conoscere e ad apprezzare la Sicilia per tutto quello che la nostra Regione rappresenta e offre: non più solo il mare, ma un patrimonio materiale e immateriale unico al mondo che incanta e stupisce perché spesso inaspettato. Ed è per questo che oggi siamo pronti ad alzare l’asticella, a porci obiettivi più ambiziosi in termini di arrivi sia nazionali sia dall’estero, perché procedendo in armonia e sinergia con i rappresentanti del nostro territorio, sono certa che riusciremo a superare l’ottima performance dell’estate 2023”.

Riflettori puntati anche sul calendario eventi che continua ad allungarsi. In corso fino al 6 novembre la XVIII edizione del festival La via dei tesori circuito di promozione del patrimonio culturale e paesaggistico della Sicilia, che prevede l’apertura al pubblico di oltre 500 luoghi di interesse storico, culturale, naturalistico, artistico. Oltre alle numerose occasioni più locali, legate alle usanze e alle tradizioni dei singoli paesi, molti sono gli eventi in programma di richiamo internazionale come la Mostra del Liberty che si terrà alla Fondazione Sant’Elia di Palermo da dicembre 2023 a giugno 2024 e promossa dall’Assessorato Regionale Turismo, Città Metropolitana di Palermo e Università degli Studi di Palermo.

Tags:

Potrebbe interessarti