Air France: da Sas ai risultati operativi fino a Ndc 

“Siamo contenti di questa operazione, che ci permette uno sviluppo nel mercato del Nord Europa e che ci consentirà di acquisire market share”. Così Eleonore Tramus, direttore generale East Mediterranean Air France-Klm commenta l’acquisizione da parte del vettore del 19% di Sas. L’accordo è soggetto, rammenta la manager, a una serie di approvazioni, ma “è importante per il consolidamento. Per la finalizzazione del progetto – aggiunge Tramus – occorreranno due anni, ma siamo sicuri di poter giocare un ruolo fondamentale grazie ad esso”.

L’estate e le prospettive per l’inverno 

Intanto la stagione estiva “ha dato risultati molto buoni – commenta il direttore generale – soprattutto in Italia, che per Air France-Klm rappresenta il primo mercato a livello europeo. Abbiamo immesso ancora più capacità e ne aggiungeremo altra per l’inverno rispetto al 2022”. I risultati sono non solo “tornati ai livelli pre-Covid, ma sono addirittura superiori, con load factor che si attestano intorno al 90%”. Se per il momento non sono previste nuove destinazioni, “stiamo parlando con il network per valutare ulteriori ampliamenti”.

Il tema Ndc

La strategia Ndc va avanti, con “l’implementazione di nuove funzionalità. Si stanno facendo progressi e stiamo accelerando la transizione verso questo canale”. Attualmente la quota di Ndc è del 35% a livello europeo, specifica la manager. 

Il nuovo portale b2b

Il gruppo ha anche lanciato il nuovo portale b2b Business Solutions: “È dedicato agli agenti, che qui possono trovare le ultime novità del gruppo, gli aggiornamenti e le informazioni di base. Per facilitare gli adv le credenziali sono rimaste le stesse di AgentConnect”.

La sostenibilità 

Prosegue l’impegno del gruppo sul fronte della sostenibilità. “Si tratta di un fattore chiave – rammenta Tramus – e si gioca su 4 pilastri: gli investimenti nella flotta con un impegno di 2 mld di euro e l’obiettivo di raggiungere il 64% di aeromobili di nuova generazione entro il 2030. Secondo fattore il Saf, con un suo utilizzo del 10% entro la stessa data. Infine, terzo e quarto punto l’ottimizzazione delle rotte e il trattamento dei rifiuti”.

“Adotta una ciclabile by Klm”

La compagnia ha anche  presentato il progetto “Adotta una ciclabile by Klm”, per incentivare “la mobilità sostenibile e promuovere uno stile di vita più sano. Si tratta di una iniziativa un po’ al di fuori dei nostri schemi – sottolinea Tramus -, ma siamo felici dei riscontri avuti dalle città di Roma, Genova e Napoli. Il progetto è aperto fino al 2024 e speriamo si aggiungano altre candidate”. 

Nicoletta Somma

Tags: , ,

Potrebbe interessarti