Slovenia: un turista straniero su dieci è italiano

L’Italia si riconferma mercato cardine delle strategie dell’ente sloveno per il Turismo lo dimostrano i dati diffusi da Lubiana sull’afflusso turistico nel Paese nel corso dei primi otto mesi dell’anno.

Nel 2023 un turista straniero su 10 in Slovenia è italiano: tra gennaio e agosto, gli arrivi dallo Stivale ammontano a 360.826, pari al 10,4% dei 3.474.167 degli arrivi complessivi internazionali. Meglio della performance italiana c’è solo quella dei tedeschi: dalla Germania, infatti, gli arrivi nel 2023 sono stati il 15,53% del totale. Seguono l’Austria (7,81%) e la Cechia (5,62%). L’Italia si colloca quindi al secondo posto.

Una tendenza di segno positivo

Italia al secondo posto

Il direttore dell’ente sloveno per il Turismo, Aljoša Ota, commenta con soddisfazione i dati diramati da Lubiana: “Nei primi 8 mesi del 2023 sono stati registrati 360.826 arrivi dall’Italia, dato che rappresenta il 10,4% del totale estero per 780.337 pernottamenti: in tal modo il mercato italiano si è posizionato saldamente al secondo posto, alle spalle della sola Germania. Il trend emerso dalle statistiche appena rilasciate da Lubiana rispetto al passato agosto e, complessivamente, a questa prima parte dell’anno – sottolinea Ota – è quello di una reale destagionalizzazione dell’offerta turistica slovena, in particolare in riferimento agli arrivi dall’Italia: al netto della lieve flessione registrata nel mese di agosto, tradizionalmente determinante nelle abitudini di viaggio degli italiani, che preferiscono le mete marine mediterranee, abbiamo assistito in tutti gli altri mesi, in particolare in primavera, ad una crescita sostanziale che non può che renderci soddisfatti e orgogliosi del lavoro svolto finora. Ci aspettiamo, in quest’ottica, grandi risultati anche dal prossimo autunno-inverno”.

La maggior parte dei pernottamenti degli italiani in Slovenia, anche nel 2023, si è concentrata all’interno del comune di Lubiana, tra le novità che la riguardano c’è l’iniziativa di Visit Ljubljana, portale dell’ente del Turismo della capitale slovena, che ha implementato negli ultimi mesi un sistema di categorizzazione basato sull’accessibilità di attrazioni turistiche, ristoranti, hotel, istituzioni culturali, impianti sportivi e altre strutture. Visitando il portale le persone potranno trovare informazioni su quali realtà siano meglio attrezzate nell’accoglienza di persone con bisogni speciali, in modo da migliorare al massimo la loro esperienza nella capitale slovena.

Nell’ambito del progetto, nato nel 2022 in collaborazione con il Zavod Brez Ovrir (Istituto Senza Barriere), è stato svolto un lavoro di censimento su oltre 200 realtà di Lubiana, che ha contribuito a migliorare l’accessibilità ove necessario. Le strutture sono state catalogate sul portale in base a quale tipo di accessibilità siano in grado di garantire.

Oltre che capitale dell’accessibilità, Lubiana si prepara anche a diventare uno dei centri europei più ricercati per i turisti che amano i mercatini di Natale.

Tags:

Potrebbe interessarti