L’exploit dell’Egitto 

L’Egitto ha accolto sette milioni di turisti nella prima metà di quest’anno, mettendo il Paese sulla buona strada per raggiungere i 15 milioni di visitatori previsti per il 2023. 

Dopo aver raggiunto la cifra record di 13 milioni di turisti e aver guadagnato 13 miliardi di dollari nel 2019, l’industria turistica egiziana sta superando il blocco dovuto alla pandemia Covid e assiste ad un’intensa fase di rilancio. 

Secondo l’Agenzia Centrale per le Statistiche, nell’anno fiscale 2021-2022 ha ricevuto 11,7 milioni di turisti, rispetto agli otto milioni dell’anno fiscale 2020-2021. Mentre il numero di turisti è aumentato di oltre il 46%, le entrate sono aumentate del 121%, raggiungendo i 10,7 miliardi di dollari per lo Stato nordafricano.  

La spinta 

“Il forte calo del tasso di cambio della sterlina egiziana con le valute straniere, la convenienza dei prezzi, oltre alla ripresa economica dei Paesi di provenienza dei flussi, hanno contribuito a dare una spinta al turismo”, ha dichiarato Samar Adel, ricercatore economico presso l’Accademia Al Ahram. 

Gli europei hanno rappresentato oltre il 62% dei turisti egiziani, guidando la classifica del 2022, mentre gli arabi si sono piazzati al secondo posto con il 26%. Le cifre eccezionali riportate sono state supportate da un ulteriore aumento del 35% del numero di visitatori per raggiungere i sette milioni di turisti nella prima metà del 2023, che determina un vero e proprio boom per il settore.  

Il commento del ministro 

“Siamo sulla buona strada per raggiungere il nostro obiettivo turistico nazionale di 15 milioni di turisti quest’anno. Per l’anno prossimo prevediamo 18 milioni di turisti. La nostra strategia si concentra sull’aumento del numero di voli che arrivano in Egitto, per migliorare l’esperienza turistica dei nostri visitatori e aumentare il numero di camere d’albergo”, ha dichiarato di recente il ministro egiziano del Turismo e delle Antichità, Ahmed Issa 

La stagione estiva 

“Quest’anno credo che siamo passati dalla fase di ripresa a quella di crescita – ha commentato Atef Abdel Latif, presidente di Musaferoun for Travel and Tourism -. L’inverno è la nostra stagione turistica di punta. Ciò che stupisce quest’anno è che l’attività è forte durante l’estate in tutto l’Egitto. Quest’anno l’Europa è stata testimone di ondate di calore estreme e di incendi, mentre in Egitto il tempo è stato ottimo e questo ha reso la stagione interessante”. 

Il turismo rappresenta circa il 12% del Pil del Paese ed è tra le principali fonti di valuta estera per la nazione più popolosa del mondo arabo. L’Egitto prevede di attirare circa 30 milioni di turisti entro il 2028. L’ambiziosa strategia intende attrarre investimenti per 20 miliardi di dollari. Le autorità prevedono di aumentare la capacità alberghiera del Paese dalle attuali 215.000 camere a 500.000.

Laura Dominici

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti