Il ritorno del turismo religioso per Grimaldi Lines

Se il 2019 era stato un anno importante in termini di passeggeri e fatturato il 2023, che non si è ancora concluso, già fa registrare numeri ancora più alti. “L’advance booking ha dato una forte accelerata alle prenotazioni a inizio anno, seguita da una flessione ad aprile e poi una ripresa nell’estate, ma non con la stessa velocità. -spiega Francesca Marino, passenger department manager Grimaldi Lines– Sono stati mesi caratterizzati da lunghi ponti e molti viaggiatori hanno optato per mete a medio e lungo raggio e non a un turismo di prossimità. Siamo comunque ancora al lavoro per raggiungere gli obiettivi che ci eravamo prefissati per questo 2023”. I mercati principali della compagnia si riconfermano Italia, Grecia, Spagna, Germania e Francia, new entry la Polonia.

A livello di destinazioni, a farla da padrone è stata la Sardegna, seguita da Sicilia e Grecia. Buoni numeri anche per la Spagna, spinta anche dalla Giornata Mondiale della Gioventù. “Il turismo religioso, negli ultimi anni, aveva subito una frenata. -prosegue Marino- In occasione di questo evento abbiamo ripreso a collaborare con alcune diocesi, vogliamo riprendere questo segmento che richiede un’attenzione particolare nella costruzione del viaggio”. E poi in calendario numerosi eventi a bordo delle navi di Grimaldi Lines come il Capodanno, Dance fit cruise, Rock on the sea, Barçalando e la Nave dell’identità dedicata alla valorizzazione della tradizione sarda. Sempre a proposito d’iniziative, sono ancora in fase di definizione quelle dedicate alle agenzie di viaggio. “Non abbiamo ancora trovato la chiave giusta per coinvolgere in maniera costruttiva e proficua il mondo delle adv. -conclude la passenger department manager- L’obiettivo resta comunque quello di realizzare dei momenti d’incontro, più raccolti e mirati, a bordo delle nostre navi”.

Sveva Faldella

Tags: ,

Potrebbe interessarti