Cammini religiosi: 4,5 mln dal ministero del Turismo

E’ un decreto da 4,5 milioni di euro quello firmato dal ministro del Turismo, Daniela Santanchè, relativo alle misure attuative del fondo per i cammini religiosi, orientato al miglioramento della fruibilità dei percorsi e alla valorizzazione degli immobili pubblici presenti lungo questi itinerari.

La dotazione del fondo è ripartita in 3,5 milioni di euro per l’anno 2023 e ulteriori 500mila euro per ciascuna delle annualità 2024 e 2025, riguarda gli itinerari escursionistici a tema religioso o spirituale, interregionali o regionali, percorribili esclusivamente o principalmente a piedi o con mezzi riconducibili al turismo lento e sostenibile. Il ministero del Turismo pubblicherà uno o più avvisi con cui individuare i soggetti, pubblici e privati, destinatari del fondo.

Un asset importante

“Con questo intervento intendiamo rafforzare la promozione turistica di quello che è un asset di grande importanza per lo sviluppo del turismo nella nostra nazione – ha affermato il ministro del Turismo, Daniela Santanchè, intervenendo agli Stati Generali sul cammino e sul turismo sostenibile -. Gli itinerari di fede, infatti, favoriscono la sostenibilità del settore non solo dal punto di vista ambientale, ma anche economico e sociale”.

Parlando della Via Francigena, sottolinea che “risulta uno dei percorsi più gettonati sui portali web, con oltre 60mila ricerche nel mese di agosto 2023, registrando un aumento del 22% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Questo ci riconferma che stiamo parlando di una vera eccellenza su cui è assolutamente necessario investire in modo mirato per ottenere i migliori risultati possibili”.

Quanto all’Italia il problema “è perlopiù infrastrutturale. Ecco cos’è che genera quel divario con altre realtà – come, per esempio, il Cammino di Santiago –, soprattutto in termini di indotto e fatturato. Quando ho coperto alcune tappe della Francigena, mi sono resa conto che non ci sono punti di ristoro e si scorgono molte costruzioni abbandonate; è proprio qui che bisogna intervenire in maniera specifica. Ritengo che, pur riconoscendo ci sia molto lavoro da fare, siamo sulla strada – anzi sul cammino giusto”.

In merito ai 4,5 milioni di euro del fondo per i cammini ha affermato che “vanno esattamente in questa direzione e rappresentano un’ulteriore tappa di avvicinamento al Giubileo 2025: una importantissima vetrina internazionale che vedrà Roma e l’Italia protagoniste di fronte a qualcosa come 30 milioni di pellegrini che arriveranno da ogni dove. Sono certa che tutti noi daremo il massimo per farci trovare pronti”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti