Primarete oltre lo stereotipo del network tradizionale

Primarete Network rilancia e assume altri dieci giovani per completare la sua trasformazione in campo distributivo. L’intenzione dichiarata è quella di non rientrare “nello stereotipo di network tradizionale basato solo sul numero di agenzie” piuttosto che “sul rinnovamento dei servizi digitali”.

Il momento contingente ha portato il settore ad affrontare e a confrontarsi con “un’altra minaccia che incombe, le guerre. Siamo costretti ad adeguarci alle nuove esigenze di mercato, profondamente trasformato dalle crisi, alla diminuzione del potere di spesa sui viaggi, all’incidenza del caro voli, che pesa molto sul prezzo dei pacchetti, ma nel settore pesa molto anche l’assenza di un cambio generazionale”.

Nuovi giovani nel team

“Abbiamo assunto nuovi giovani che provengono da scuole e Università specializzate in turismo per dare risposte a questo mercato sempre più digitale – spiega Ivano Zilio, patron di Primarete -. Ai nuovi target di consumatori bisogna integrare figure giovanili con titoli di studio più adeguati ai modelli di lavoro attuali. E proporre percorsi di carriera per dar modo di sentirsi parte di un gruppo in evoluzione”.

Dal canto suo, oggi il gruppo Primarete “sta portando avanti vari progetti online nel campo della biglietteria aerea, con Flypoint Multi-GDS, Cruisepoint e Hotelpoint. Le agenzie utilizzano la piattaforma dei pacchetti sul dinamico, tutto passa su piattaforme per fare ricerche veloci e combinare servizi in modo rapido. Primarete è un network che vanta 30 anni di esperienza e che si adegua costantemente al mercato”, .sottolinea Zilio.

Tags: ,

Potrebbe interessarti