Dupe destinations e IA: il viaggio secondo Marriott 

Maggior budget da destinare alle vacanze, utilizzo dell’intelligenza artificiale per pianificarle, dupe destination, esperienze slow e sostenibilità, sono queste le principali tendenze. “Chat Gpt sarà uno strumento sempre più utilizzato per pianificare gli itinerari di viaggio e il 22% degli italiani lo sta già utilizzando – commenta Helen Leighton, vice president luxury brands and communications Emea – . Un dato che sale al 35% se si considera la fascia 18/24 anni. Tra coloro che utilizzano l’IA, l’88% afferma che ha in qualche modo influenzato le proprie scelte di viaggio dalla prenotazione del soggiorno (22%), passando per trasporto (24%) e ristoranti (27%). Non solo tecnologia, ma anche maggiore disponibilità economica: 9 italiani su 10 stanno già pianificando le vacanze e il 51% pensa di destinare un budget più alto. Cresce anche l’all-inclusive, preferito dal 26% dei viaggiatori, mentre su enogastronomia, storia e cultura si concentrerà il 42% dei viaggiatori luxury che si concederanno ben sei vacanze all’anno”.

Nuove mete e segmenti

Nel frattempo, le cosiddette dupe destination (ovvero le mete “clone” di quelle più gettonate) diventeranno un altro tema significativo. Più di un terzo (34%) di chi intende viaggiare nei prossimi tre anni pensa che risparmierà tempo e denaro raggiungendo queste destinazioni alternative, che possono fornire un’esperienza simile a quelle tradizionali ma a costi minori. Tra gli altri trend emergenti, lo slow travel (già provato dal 41% degli italiani, mentre il 60% lo pianifica), e le vacanze in solitaria intraprese dal 37% dei viaggiatori italiani negli ultimi tre anni.

Italia best performer

Analizzato lo scenario della travel industry, il gruppo Marriott continua a investire nella propria crescita forte di un andamento positivo. Complessivamente il RevPar è aumentato del 9% anno su anno, 60% le nuove camere immesse sul mercato e il 35% di esse è già in costruzione. “Importante poi l’attenzione rivolta all’Italia, mercato che ha registrato la miglior performance soprattutto per quanto riguarda il target luxury. In termini d’occupazione, quest’anno sono stati completamente recuperati i livelli pre pandemia. – afferma Richard Brekelmans, area vice president southern Europe -. Dopo Bulgari Rome ed Edition Rome, inaugurati quest’anno, il gruppo prosegue la sua espansione con il brand W a Firenze, Milano e Napoli. Focus anche sulla Sicilia con l’Autograph Collection l’Ortea Palace a Siracusa, aperto quest’anno, e il Mangia’s Brucoli la cui inaugurazione è prevista nel 2024. Il portfolio continuerà a crescere con l’apertura sul Lago di Como del Lake Como Edition nel 2025 e del Ritz Carlton Bellagio nel 2026”. 63 sono gli hotel in Italia del gruppo, 25 in pipeline entro i prossimi tre/quattro anni e, oltre al segmento luxury Marriott, sta valutando con attenzione un’espansione nel midscale e all-inclusive.

Sveva Faldella

Tags: ,

Potrebbe interessarti