Indagine Antitrust sui prezzi aerei per Sicilia e Sardegna. Fiavet soddisfatta

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato un’indagine conoscitiva sull’uso degli algoritmi di prezzo nel trasporto aereo passeggeri sulle rotte di collegamento tra la penisola e la Sicilia e la Sardegna, caratterizzate da particolari esigenze di mobilità. “Alla base di questa decisione – riporta la nota dell’Antitrust – il fatto che, in concomitanza con la ripresa della domanda di trasporto aereo passeggeri, a partire dal 2022, sono stati rilevati, da soggetti istituzionali e non, livelli di prezzo elevati in corrispondenza dei periodi di picco di domanda”.

Tra algoritmi e software

La nota dell’Antitrust sottolinea che “le compagnie aeree adottano da anni sistemi di definizione dei prezzi che, grazie all’uso di algoritmi e di software per il trattamento dei dati, differenziano e adattano nel tempo i costi dei voli. Negli ultimi anni il grado di automatizzazione e di sofisticazione di questi sistemi è notevolmente aumentato, sia per la crescita esponenziale delle informazioni trattabili sia per l’evoluzione tecnologica. In prospettiva, l’utilizzo di tecniche di intelligenza artificiale e machine learning potrebbe consentire l’uso di algoritmi di auto-apprendimento, in grado di elaborare nuovi criteri di definizione dei prezzi.

L’attività di indagine riguarderà i possibili effetti negativi sul funzionamento del mercato e sulle condizioni di offerta ai consumatori legati all’uso degli algoritmi di prezzo, nel contesto di riferimento – spiega l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato -. L’indagine approfondirà anche le modalità di comunicazione al pubblico dei prezzi dei biglietti aerei e delle loro diverse componenti.

In considerazione delle nuove previsioni normative di cui all’art. 1 del dl Asset 104/2023 (convertito con modificazioni dalla legge 136/2023) l’Autorità potrà, a seguito dell’indagine conoscitiva, imporre alle imprese misure comportamentali o strutturali per eliminare le distorsioni della concorrenza o per raccomandare le opportune modifiche legislative/regolamentari così da migliorare il funzionamento dei mercati. Inoltre se – nel corso del procedimento – le imprese presentano impegni, l’Autorità potrà valutarne l’idoneità a risolvere le criticità rilevate e renderli obbligatori”.

La posizione di Fiavet

Fiavet-Confcommercio ha appreso con soddisfazione il fatto che l’Antitrust abbia avviato l’indagine conoscitiva sull’uso degli algoritmi di prezzo nel trasporto aereo passeggeri. L’intervento dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato segue l’iniziativa di Fiavet-Confcommercio concretizzatosi con l’audizione presso la Camera dei Deputati alla IX Commissione Trasporti – riporta la nota associativa.  

“I collegamenti aerei verso le isole sono imprescindibili dal turismo e ad esso strettamente legati – afferma il presidente di Fiavet-Confcommercio, Giuseppe Ciminnisi – il costo dei trasporti influenza difatti l’andamento di una destinazione”. Fiavet-Confcommercio in sede parlamentare aveva fatto osservare le difficoltà nel gestire la  biglietteria dei vettori aggiudicatisi i bandi della continuità territoriale verso Sicilia e Sardegna.

Le richieste di Fiavet

Coordinare le prenotazioni presso i call center di questi vettori è molto difficile, quindi Fiavet-Confcommercio ha fatto richiesta di vendere le tariffe di continuità territoriale tramite Gds.
Aeroitalia, ad esempio, non ha mai attivato il Gds che è invece previsto dal bando di continuità territoriale sulla Sardegna.
 

Un tetto massimo di tariffa

Fiavet-Confcommercio fa osservare che tutti gli isolani hanno diritto al trasporto in continuità territoriale, comprese le persone disabili, le guardia armate, i minori non accompagnati, gli animali domestici, mentre non tutte le compagnie offrono questi servizi. Allo stesso tempo, secondo l’associazione di categoria, per i turisti dovrebbe essere fissato un tetto massimo di tariffa, perché spesso si trovano a pagare biglietti che costano molto di più di quelli dei residenti. Sarebbe anche auspicabile, secondo Fiavet-Confcommercio, che chi si trova a viaggiare spesso per lavoro verso le isole possa godere di una tariffa quantomeno agevolata. 

Un altro grave disagio che si è registrato per la continuità territoriale in Sardegna, è quello che costringe i passeggeri della Regione, in caso di più voli consecutivi, a ritirare i bagagli e ripetere il check-in senza passare per i transiti, come avviene per qualunque altro passeggero delle Regioni italiane che debba, dopo lo scalo a Roma o a Milano, raggiungere altre destinazioni nazionali o internazionali.

Allo stesso modo il bagaglio a mano e da stiva dovrebbe essere compreso nella tariffa del biglietto, altrimenti le compagnie in continuità territoriale operano come le low cost emettendo biglietteria a tariffa bassa, ma obbligando, di fatto, il passeggero ad acquistare uno spazio per il bagaglio che supera, il più delle volte, il costo di un biglietto aereo medio.  

Infine Fiavet-Confcommercio aveva già sollevato nel corso della sua audizione in parlamento la circostanza che Aeroitalia per il rimborso delle tasse aeroportuali versate per l’acquisto di biglietteria in continuità territoriale, nel caso in cui i biglietti siano annullati, applica una tassa amministrativa di 30 euro “che appare iniqua e esorbitante”, soprattutto perché si tratta di tasse che non sarebbero esigibili in considerazione del fatto che il passeggero non ha volato.  

Tags: , ,

Potrebbe interessarti