Agenzie, low cost e abusivismo: i temi caldi di Advunite

Definire il ruolo delle agenzie di viaggi e dei tour operator con i consumatori e i fornitori; definire il ruolo delle low cost sui mancati rimborsi e sugli obblighi per i pacchetti turistici; combattere l’abusivismo turistico e ripartire tra i dettaglianti gli ultimi fondi disponibili per evitare di perderli.

Sono queste le richieste del presidente di Advunite, Cesare Foà, al ministro del Turismo Daniela Santanchè, in vista del forum sul turismo di Baveno che inizierà il 24 novembre prossimo.

“Chiediamo che il Governo – ha sottolineato – dia risposte concrete”, riferendosi in particolare alla spiacevole situazione verificatasi a Bali ad un viaggiatore che presumibilmente viaggiava senza pacchetto turistico e senza assicurazione.

Il focus

“Vogliamo portare l’attenzione di tutti sul fatto che comprando i pacchetti turistici in un’agenzia di viaggi italiana si ha un’assicurazione sanitaria obbligatoria che almeno in parte avrebbe velocizzato il problema – ha dichiarato Foà – è un vantaggio notevole per i clienti”. Per contro, il presidente di Advunite nota che su questo accadimento “regna il silenzio assoluto”. L’associazione confida poi sulla trattazione di tematiche calde, come il problema della riforma dei pacchetti turistici, delle molteplici problematiche legate alle compagnie low cost e rinnova la speranza che vengano emanate “leggi immediate”. Il messaggio conclude ricordando che “nessun importo è stato ancora accreditato alle agenzie dettaglianti, quelle che veramente hanno subito un danno dal Covid.

 

Tags:

Potrebbe interessarti