Il mercato dei servizi per gli aeromobili commerciali a quota 255 miliardi di dollari nel 2042

Il mercato dei servizi per gli aeromobili commerciali raddoppierà quasi di valore, raggiungendo i 255 miliardi di dollari entro il 2042: a dirlo Airbus, nel Global Services Forecast 2023-2042, che raccoglie le ultime previsioni sui servizi globali (Gsf) nelle categorie “Maintain“, “Train & Operate” e “Enhance“.

Se oggi il valore totale è di 130 mld di dollari, a trainare questo slancio futuro, afferma il costruttore, sono la ripresa del traffico aereo e la richiesta di aeromobili sempre più connessi e abilitati alla tecnologia digitale. I passeggerei previsti nel 2023 sono 4,35 miliardi, rispetto ai 4.54 del 2019, con un Rpk a +28,3% rispetto all’anno passato e un load factor del +2,2%.

Modernizzazione della flotta e investimenti in aeromobili

Il Gsf prevede la sostituzione di 17.170 aeromobili da qui al 2042, come risultato della continua modernizzazione della flotta e degli investimenti in aeromobili di ultima generazione. Il 95% delle flotte, infatti, sarà rappresentato da aeromobili di nuova generazione, per un totale di 46.560 velivoli in servizio nel 2042. Ciò creerà crescenti opportunità di mercato per il riutilizzo, la riparazione e il riciclo.

“Airbus è ben posizionata per rispondere alle esigenze di servizi attuali e future, al fine di supportare l’industria, aumentando l’efficienza e riducendo al contempo il consumo di carburante, le emissioni e il rumore – afferma Cristina Aguilar Grieder, senior vice president customer services di Airbus -. La domanda di servizi c’è, ma è necessario saper rispondere alle sfide future e a un pubblico di passeggeri che è sempre più esigente”.

Airbus prevede che il mercato del “Maintain” crescerà da 108 a 210 miliardi di dollari, quello “Enhance” degli aeromobili (letteralmente, “miglioramento”) dovrebbe crescere da 11 miliardi di dollari all’anno a 28 miliardi di dollari e il mercato “Train & Operate” da 11 miliardi di dollari a 17 miliardi di dollari nel 2042.

Personale qualificato

Di conseguenza, Airbus prevede la necessità di ulteriori 2,2 milioni di persone altamente qualificate nei prossimi 20 anni, con capacità analitiche e competenze digitali, di cui 680.000 nuovi tecnici, 590.000 nuovi piloti e 920.000 nuovi equipaggi di cabina. Dovranno cambiare ed evolvere anche le metodologie di training, includendo strumenti come la realtà virtuale e l’intelligenza artificiale.

I servizi di aviazione globale vedranno la loro maggiore crescita in Asia meridionale, Cina (a quota 54 mld di dollari rispetto ai 19 attuali) e Medio Oriente. Le regioni con il più alto volume di mercato rimangono il Nord America, l’Europa, la Cina e l’Asia-Pacifico.

Tags:

Potrebbe interessarti