Aci Europe: forte pressione competitiva negli scali

Il traffico aereo europeo è aumentato dell’11,7% nel mese di ottobre 2023 rispetto allo stesso mese dello scorso anno. A comunicarlo è Aci Europe, spiegando che “il traffico passeggeri nella rete aeroportuale europea ha continuato a sfidare l’inflazione delle tariffe aeree e le tensioni geopolitiche. Il risultato è stato un volume di appena 1,7% rispetto ai livelli pre-pandemia (ottobre 2019)”.

Verso la piena ripresa

Olivier Jankovec, direttore generale di Aci Europe, ha dichiarato: “Lo slancio verso una piena ripresa del traffico passeggeri per gli aeroporti europei ha continuato ad essere forte nel mese di ottobre, sfidando sia le tariffe aeree in aumento del +36,3%1 sia il conflitto in Israele che ha aggiunto ulteriori tensioni geopolitiche. Il tempo libero e, in misura minore, i viaggi misti sono stati i principali motori della domanda, estendendo all’autunno le dinamiche normalmente associate ai mesi estivi di punta. Allo stesso tempo, e sebbene ancora al di sotto del livello precedente, anche i viaggi d’affari hanno contribuito a riportare gli aeroporti europei quasi ai volumi precedenti alla pandemia”.

Benefici a macchia di leopardo

Un nodo però c’è, ed è il fatto che nonostante questo continuo slancio del traffico non ha portato benefici a tutti gli aeroporti in egual misura. “Non c’è dubbio che l’Europa sia diventata un mercato aeroportuale frammentato e a più velocità se si considerano i risultati del traffico passeggeri – prosegue il manager -. Ciò riflette cambiamenti strutturali che non fanno che rafforzare le pressioni competitive sugli aeroporti”.

In Europa

Gli aeroporti dell’Ue+ si sono avvicinati di più a una piena ripresa del traffico passeggeri, con un -1,3%. Il traffico internazionale di passeggeri nel blocco si è quasi completamente ripreso (-0,1%) rispetto al traffico nazionale (-7,1%). Gli aeroporti del resto d’Europa sono rimasti più indietro, con un -3,8%, invertendo i guadagni precedenti che li avevano visti in piena ripresa nel terzo trimestre.

Tags:

Potrebbe interessarti