Croazia, il Quarnaro punta sull’appeal enogastronomico

Non mancano le soddisfazioni per la Croazia, che traccia un primo bilancio del periodo prenatalizio. Il Paese oggi è una meta turistica desiderabile, ben posizionato e visibile nel mercato turistico ed è riconosciuto come destinazione dall’ampio ventaglio di offerta.

Italia verso il milione

“La stagione – ha dichiarato Viviana Vukelic, direttrice dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo in Italia (a sinistra della foto) – è stata ben preparata ad affrontare le sfide. Nei primi undici mesi la Croazia ha realizzato 20 milioni di arrivi e 106 milioni di pernottamenti, facendo registrare un aumento del 9% in arrivi e del 3% in pernottamenti. Per quanto riguarda l’Italia, nei primi 11 mesi sono stati registrati in totale 961.505 arrivi, ovvero il 5% di più, e 4.156.043 pernottamenti, +1% rispetto all’anno scorso”.

“Tra i punti di forza – ha proseguito – , oltre alla bellezza paesaggistica, il clima, l’autenticità, l’ambiente, lo stile di vita e il patrimonio culturale e naturale, rientra sicuramente la ricchezza enogastronomica, che contribuisce a rafforzare l’immagine della Croazia come destinazione di qualità”.

Vicini e raggiungibili

Proprio il food è stato lo spunto per la presentazione della regione del Quarnaro e la sua offerta turistica.

“Il Quarnaro – ha affermato Irena Persic Zivadinov, direttrice dell’Ente per il Turismo della Regione del Quarnaro -, posto fra l’Istria e la Dalmazia, è molto vicino all’Italia. Siamo a soli 70 chilometri da Trieste, a poche ore di auto da Milano e Venezia, e quindi molto facilmente raggiungibile. Il capoluogo Rijeka (Fiume) è lo snodo di tutte le vie di comunicazione: stazione ferroviaria, porto dei traghetti e stazione degli autobus internazionali. In una regione relativamente piccola, abbiamo montagne, isole e mare con il 20% di tutte le capacità ricettive della Croazia e il 20% dei pernottamenti. L’offerta ricettiva vanta un buon rapporto qualità prezzo e un impegno costante nel miglioramento qualitativo”.

Regione gastronomica Europea

“Nel 2026 -ha proseguito – il Quarnaro sarà inoltre Regione gastronomica Europea. I tanti i marchi gastronomici di fama mondiale presenti, come Michelin, Gault&Millau, JRE, e quelli di qualità regionali Kvarner Gourmet, Kvarner Food e Kvarner Wines, oltre ai 36 vini autoctoni, altrove introvabili, rendono il Quarnaro perfetto tutto l’anno, a partire dall’attuale il periodo dell’Avvento, per famiglie con bambini, coppie, amanti dell’avventura e, naturalmente, gastronauti”.

“Nel 2024 – ha concluso Vukelic – la Croazia si posizionerà come destinazione sostenibile, si guarda al futuro con una vasta gamma di esperienze turistiche di alta qualità per i più diversi segmenti. Promuovere la conoscenza e sensibilizzare i viaggiatori riguardo al rispetto dell’ambiente, favorendo esperienze autentiche di contatto diretto con la natura, fa del turismo sostenibile il miglior turismo possibile”.

Paola Olivari

 

 

Tags: , ,

Potrebbe interessarti