Cortina punta a diventare una mountain resort destination

Sono stati presentati, nella sede della Regione Veneto a Roma, i progetti per Cortina, in anticipo sulle Olimpiadi, che vedranno la località veneta ospitarle nel 2026 insieme a Milano. Il macro obiettivo strategico è passare dall’essere una destinazione turistica di montagna, con prodotti non strutturati, a una mountain resort destination, ovvero una destinazione montana con un prodotto ampio diversificato e soprattutto integrato per la maggior parte dell’anno.

La winter 2024

Il presidente di Fondazione Cortina, Stefano Longo, ha ricordato che la stagione invernale 2024 si aprirà con 5 discipline e 12 gare. “La conca ampezzana – ha rimarcato – sarà la località invernale che ospiterà il maggior numero di eventi di Coppa del mondo in una sola stagione che, come sempre, sarà all’insegna della collaborazione con associazioni e club sportivi del territorio in partnership con oltre 27 imprese che hanno scelto di sostenere lo sviluppo dell’offerta sportiva e turistica internazionale di Cortina”.

La Fondazione Cortina, che sarà il braccio operativo per le Olimpiadi, si appresta ad ospitare, a partire dal 16 dicembre, il gigante parallelo della Coppa del Mondo di Snowboard con gare in notturna sulle nevi del Faloria, in collaborazione con lo Snowboard Club di Cortina.

Guardare oltre lo sci

Dal canto suo, il presidente dell’Associazione Albergatori di Cortina, Stefano Pirro ha sottolineato che Cortina deve guardare oltre i giochi olimpici e oltre lo sci.

“L’assegnazione dei giochi invernali del 2026 a Cortina ha profondamente aumentato l’interesse nei confronti del nostro territorio, Olimpiadi e paralimpiadi rappresentano senza ombra di dubbio un’imperdibile occasione per riscrivere il futuro della nostra destinazione. Non a caso, numerosi hotel – otto allo stato attuale – hanno scelto di sacrificare due anni di attività per procedere alle dovute ristrutturazioni per effettuare migliorie e risanamento. Cortina, partendo dal comparto hospitality, si propone di dare un importante segno di ammodernamento. Il nostro impegno – ha aggiunto – è quello di andare oltre Milano-Cortina 2026 e rendere la Conca pienamente sostenibile e accessibile a tutti i livelli internazionali”.

Annarosa Toso

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti