Adutei: positivi i dati dell’anno in chiusura

Andamento generale positivo per il 2023 di Adutei – Associazione Delegati Ufficiali del Turismo Estero in Italia: “In occasione dell’assemblea generale di metà ottobre la maggioranza dei soci si è mostrata molto positiva per quanto riguarda i dati dell’anno in chiusura – afferma il presidente Giovanna Sainaghi (direttrice dell’Ente del Turismo delle Fiandre) –. Tutti i membri dell’associazione sono ora pronti a lasciarsi alle spalle le performance positive del 2023, sia per quanto riguarda l’estate che la primavera, in termini di arrivi, pernottamenti e di trend di prenotazioni, per lavorare attivamente sul 2024”. “Nessuno di noi nega naturalmente preoccupazione riguardo la situazione geo-politica del Medio Oriente – commenta Sainaghi -, con un punto di domanda sull’impatto delle conseguenze che ha e avrà, non solo in quell’area, ma anche sulla domanda turistica generale. Oltre a ciò, anche la situazione economica, apparentemente meno brillante di un anno fa, rappresenta un’incognita – ammette il presidente –. Nonostante alcune variabili che l’’associazione continuerà a monitorare, si percepisce comunque che la voglia di vacanza degli italiani e la propensione a non rinunciare ad un certo tipo di esperienze di viaggio non sembra affatto calare”. A supporto di questa tesi alcuni dati relativi al mese di settembre estrapolati da Sojern per l’Adutei Academy, riportano uno slancio di crescita non indifferente per quanto riguarda le prenotazioni degli hotel fino alla tarda primavera del 2023. In seguito, probabilmente a causa dell’inflazione e/o del caro voli, la tendenza si è interrotta restituendo un’estate comunque in linea con il 2022. Parigi, Londra e Barcellona restano saldamente in vetta alla classifica delle top destination per quanto riguarda la ricerca di strutture alberghiere da parte dei turisti italiani, con una performance ancor più interessante però dell’Europa dell’Est (Praga e Budapest su tutte) rispetto all’Europa Occidentale. Anche il Medio Oriente e il Sud Est Asiatico superano i dati del 2022, con rispettivamente Dubai e Istanbul e Bangkok, Singapore e Pattaya in cima ai desideri degli italiani. Altalenanti invece le performance dei Caraibi nei primi tre quadrimestri, con un inizio di anno difficile, una primavera in ripresa e un’estate di nuovo in difficoltà.

Nicoletta Somma

Tags: , ,

Potrebbe interessarti