Aumenta in modo significativo l’occupazione femminile

Una nuova ricerca del Wttc e del Sustainable Tourism Global Centre avviata dal ministero del Turismo dell’Arabia Saudita rivela che il settore globale dei viaggi e del turismo sta offrendo crescenti opportunità di lavoro alle donne e giovani di tutto il mondo.

Il rapporto mostra che il settore dei viaggi e del turismo ha impiegato direttamente un numero di donne in rapido aumento tra il 2010 e il 2019, passando da 38,6 milioni a 47,8 milioni, con un incremento del 24%. Ha inoltre riscontrato che l’ospitalità è il principale datore di lavoro delle donne nel settore, rappresentando oltre la metà dell’occupazione femminile.

 I giovani lavoratori sono indicati come una componente importante della forza lavoro, rappresentando il 15% di tutti i posti di lavoro nel comparto sia nel 2010 che nel 2021. Al contrario, la quota di giovani lavoratori nell’occupazione globale complessiva è scesa dal 16,5% nel 2010 al 12,5% nel 2021, evidenziando l’importanza dei viaggi e del turismo per l’occupazione giovanile.

I commenti

H.E Ahmed Al Khateeb, ministro del Turismo dell’Arabia Saudita, ha dichiarato: “Fornendo approfondimenti e dati sullo status quo del settore, il rapporto consente ai Paesi e alle regioni di fissare obiettivi chiari per dare potere alle donne e coinvolgere i giovani. Il Regno dell’Arabia Saudita continua a svolgere un ruolo importante nell’investire nei talenti necessari per soddisfare le esigenze di questo fiorente settore. Ciò è strategicamente allineato con gli obiettivi Saudi Vision 2030 in relazione all’emancipazione dei giovani e delle donne. A titolo illustrativo, abbiamo aumentato la partecipazione femminile alla forza lavoro del 64% dal 2021”.

Julia Simpson, presidente e ceo del Wttc, ha commentato: “Come parte della nostra ricerca ambientale e sociale, siamo orgogliosi di aver lavorato a fianco del Sustainable Tourism Global Center e di pubblicare questo rapporto importante. Per la prima volta in assoluto, possiamo dimostrare che il settore ha un impatto positivo a livello globale, sostenendo posti di lavoro con salari più alti, condizioni di parità per le donne e offrendo posti di lavoro a lungo termine, sostenibili ed economicamente attraenti ai giovani di tutto il mondo”.

Gloria Guevara, consigliere speciale capo del ministro del Turismo dell’Arabia Saudita, ha aggiunto: “Consideriamo questo rapporto congiunto come un’altra pietra miliare per il settore globale dei viaggi e del turismo. Sostenendo l’occupazione di qualità per i giovani e per le donne, sviluppiamo un settore più sostenibile. Questo approccio è in linea con Saudi Vision 2030, che mira a creare una vivace società saudita in cui tutti i cittadini possano prosperare”.

Il rapporto fornisce una ripartizione regionale dell’occupazione in Europa, Americhe, Medio Oriente, Africa e Asia-Pacifico ed è la prima analisi dell’impronta sociale globale dei viaggi e del turismo, suddivisa per età, genere e reddito.

Donne nei viaggi e nel turismo

Il rapporto rivela che nel 2021 il settore impiegava una percentuale leggermente più elevata di donne rispetto ad altri comparti a livello globale: il 39,3% rispetto a una media del 39,2%.

Secondo il rapporto, l’ospitalità è il principale datore di lavoro per le donne nel settore dei viaggi e del turismo, rappresentando oltre la metà (52%) di tutta l’occupazione femminile nel 2019.

In tutto il mondo, le donne rappresentano una quota maggiore dell’occupazione nel settore dei viaggi e del turismo rispetto alla forza lavoro nell’intera economia dell’Asia-Pacifico e delle Americhe. La quota di donne che lavorano nel settore dei viaggi e del turismo in Africa è in aumento dal 2010 e anche l’occupazione femminile nell’economia del Medio Oriente è cresciuta in modo significativo.

Giovani nei viaggi e nel turismo

La ricerca evidenzia la crescita costante e costante dei giovani impiegati direttamente nel settore nell’ultimo decennio, con un totale di 39,7 milioni di posti di lavoro supportati in tutto il mondo nel 2019, in crescita del 28% rispetto al 2010.

Tuttavia, questa cifra è stata significativamente influenzata dal Covid, dove l’occupazione giovanile è diminuita del 27%. In particolare, in tutti gli anni analizzati, più della metà dell’occupazione giovanile globale nel settore dei viaggi e del turismo si trovava nella regione Asia-Pacifico, con 9,2 milioni nel 2021. Con un tasso di crescita dell’occupazione giovanile di quasi il 37% tra il 2010 e il 2019, la regione ha superato tutte le altre aree, tutte più vicine al 20%.

Lavori ad alto salario

Nel 2021, quasi il 34% dei posti di lavoro nel settore globale dei viaggi e del turismo sono stati classificati come salari elevati, in aumento rispetto al 29,6% nel 2010.

A livello regionale, l’Asia-Pacifico ha la quota maggiore di posti di lavoro ad alto salario nel settore (38,7%), seguita dall’Africa (36,2%) e dalle Americhe (30,6%).

Tags:

Potrebbe interessarti