Santanchè: Dal Natale “ottimi segnali di ripresa rispetto al 2022”

Il ministro del Turismo Daniela Santanché, si sofferma sui dati diffusi ieri da Federalberghi in merito alle festività natalizie, affermando che “ci offrono interessanti spunti di riflessione e, sebbene gli italiani prediligano a Natale e Capodanno mete interne, che di per sé è una buona notizia, non ci dobbiamo distrarre dall’obiettivo di incentivare ulteriormente gli italiani a muoversi alla scoperta della nostra nazione anche nei periodi non prettamente legati alle logiche stagionali”.

Per realizzare tale obiettivo, secondo il ministro si devono “mettere in campo strategie adeguate: dalla promozione dei nostri meravigliosi borghi e delle eccellenze nostrane, alla realizzazione di politiche che incoraggino famiglie e nuove generazioni a riscoprire l’Italia meno nota quando si tratta di andare in vacanza”.

Nuovi strumenti e tendenze

A detta del ministro c’è un “ulteriore spunto di riflessione che emerge da questi dati è quello su nuovi strumenti e tendenze, come lo smart working e il nomadismo digitale, che possono consentire a chi parte di prolungare il periodo di vacanza mettendo in moto, al contempo, un circolo virtuoso per i territori“.

Santanché sostiene anche che i numeri diffusi da Federalberghi invitano a riflettere “sulla differenziazione tra le mete scelte a Natale e Capodanno dagli italiani, e se nel primo caso vince la voglia di ricongiungersi con la famiglia, nel secondo vediamo come le mete a vocazione divertimento e relax siano in netto vantaggio, ma sappiamo come l’offerta turistica italiana sia talmente profonda e diversificata – penso ad esempio ai cammini religiosi sui cui il ministero sta investendo molto; o ai piccoli Comuni a vocazione turistica a cui stiamo ridando forte slancio – che davvero, fortunatamente, disponiamo di un potenziale immenso da sfruttare e mettere adeguatamente a regime. Per questo dico che i dati sono incoraggianti, ma soprattutto delineano una direzione precisa che abbiamo il dovere e l’intenzione di percorrere”.

Tags: ,

Potrebbe interessarti