In montagna facendo attenzione alla spesa. Ecco il turista del ponte natalizio

“Gli italiani, nonostante l’incertezza, non rinunciano a partire durante le festività natalizie, pur con attenzione alla spesa. Una tendenza che conferma la vivacità dei consumi a dicembre che ci auguriamo sia un segnale di buon auspicio per un 2024 che si annuncia con un’economia in rallentamento.” Così il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli.

Non si rinuncia, dunque, a festeggiare fuori casa il Natale, festività che, quest’anno, configura un bel ponte di 4 giorni, includendo il giorno di Santo Stefano. Otto milioni e mezzo di italiani hanno, infatti, fatto le valigie, senza contare i 2 milioni di indecisi.

Attenzione alla spesa

Chi è partito l’ha fatto con un occhio attento alla spesa, che si aggirerà complessivamente intorno ai 3 miliardi di euro. La maggior parte, l’83%, è rimasto in Italia, nonostante la voglia di tornare pienamente alle abitudini pre-pandemia incrementi, rispetto al 2022, l’apprezzamento per destinazioni estere, quasi tutte europee.

Un italiano su 4 sfrutterà praticamente tutto il ponte natalizio, concedendosi 3 o 4 pernottamenti a destinazione. Uno su 5, con oltre 5 pernottamenti, andrà probabilmente a collegare Natale e Capodanno in un’unica vacanza lunga. Per gli altri la permanenza fuori casa sarà al massimo di 2 notti, prevalentemente in località vicine al luogo di residenza o senza uscire dalla propria regione.

Ed è proprio sul raggio degli spostamenti, favorito anche dai giorni festivi in più che il calendario mette a disposizione quest’anno, che si registrano segnali di vitalità particolarmente interessanti. Nel confronto con il 2022 scende dal 57% al 40% la quota di coloro che resteranno comunque all’interno della regione di residenza, mentre salgono dal 36% al 44% i vacanzieri che si spingeranno oltre, restando comunque in Italia. Sale inoltre, dal 7% al 17%, la quota di chi ha invece in programma un viaggio oltre confine.

Poco più della metà dei viaggiatori soggiorna in strutture turistico ricettive, prevalentemente alberghi seguiti da b&b, mentre l’altra metà opta quasi esclusivamente per l’ospitalità presso amici e parenti o il soggiorno in seconde case.

Lazio meta preferita

Regina indiscussa del Natale è la montagna, scelta da 1 italiano su 3. Città d’arte e grandi città e borghi totalizzano complessivamente un ulteriore 32% delle preferenze mentre le località della costa, scelte in prevalenza da chi circoscrive gli spostamenti ai confini della propria regione, sono la destinazione di un ulteriore 21%. Ne risulta un panorama delle destinazioni che premia Lazio, Trentino Alto Adige, Campania e Lombardia sulle scelte di Italia mentre, per l’estero, Francia, Germania, Inghilterra e Austria sono le nazioni più gettonate.

Questi i dati che emergono dal Focus sul Natale dell’Osservatorio Turismo Confcommercio in collaborazione con Swg su un campione composto da 1048 cittadini italiani, tra i 18 e 80 anni, rappresentativi della popolazione per genere, età, area geografica e ampiezza comune di residenza.

Tags:

Potrebbe interessarti