Trenitalia, la notte porta… due milioni di passeggeri

Oltre che consiglio, la notte porta viaggi. Sono stati oltre 2 milioni i passeggeri che nel 2023 hanno scelto i treni notturni di Trenitalia (+25% rispetto al 2022), un modo di viaggiare comodo e sostenibile che collega anche Roma e Cortina, grazie al nuovo Espresso Cadore di FS Treni Turistici Italiani, società del Polo Passeggeri del Gruppo FS.

Fondi Pnrr

“I treni notte sono mezzi strategici per ridisegnare il concetto di mobilità in un’ottica di sostenibilità, intermodalità e competitività – dichiara Luigi Corradi, amministratore delegato di Trenitalia. La domanda dei viaggi notturni è in crescita e i nuovi collegamenti invernali di Trenitalia e del Polo Passeggeri vanno incontro alle esigenze dei viaggiatori. Lo sviluppo di questo segmento, inoltre, è sostenuto dal piano di investimenti di Trenitalia che, anche grazie ai fondi del Pnrr, sta rinnovando 70 carrozze notte destinati ai treni da e per la Sicilia, che entreranno in servizio entro il 2026″.

Intercity Notte ed Euronight

Sono 28 i collegamenti notturni di Trenitalia che consentono di viaggiare in Italia e in Europa. Tra le destinazioni di montagna più richieste nel nostro Paese c’è San Candido, in Trentino-Alto Adige, raggiungibile nei weekend in Intercity notte partendo da Roma. Chi sceglie il Sud, invece, viaggia prevalentemente verso Lecce, Reggio Calabria, Palermo e Siracusa, partendo da Torino, Roma e Milano.

In Europa, grazie alla collaborazione con le ferrovie austriache Obb, è possibile raggiungere a bordo dei treni Euronight il centro di Vienna e Monaco di Baviera. Vi sono due collegamenti tra Roma e le due città europee, con fermate intermedie a Firenze e Bologna; e due collegamenti da La Spezia, con fermate intermedie a Genova, Milano e Verona.

I treni turistici

Chi ama viaggiare di notte in treno, fino al 25 febbraio, potrà raggiungere anche Cortina partendo da Roma a bordo del nuovo “Espresso Cadore” di FS Treni Turistici Italiani. Un viaggio notturno che porterà anche a Orte, Orvieto, Treviso, Ponte nelle Alpi, Longarone – Zoldo e Calalzo. I passeggeri possono scegliere tra cabine letto singole o doppie, con cena e colazione incluse nel costo del biglietto, oppure cuccette da 4 o 6 posti che possono essere riservate anche interamente per viaggi di gruppo. A disposizione dei passeggeri la vettura ristorante dove poter cenare serviti e un bar aperto tutta la notte.

Tags: ,

Potrebbe interessarti